NEWS   |   Italia / 14/09/2018

Claudio Baglioni presenta in conferenza stampa il concerto inaugurale (stasera all’Arena di Verona) del tour “Al centro”

Claudio Baglioni presenta in conferenza stampa il concerto inaugurale (stasera all’Arena di Verona) del tour “Al centro”

Sta per iniziare questa sera, venerdì 14 settembre, all’Arena di Verona, il primo dei tre concerti inaugurali del tour “Al centro”, ospitati appunto dalla città scaligera.
Nel pomeriggio si è tenuta una conferenza stampa in cui lo staff e la produzione del tour hanno presentato lo spettacolo, che sarà trasmesso domani sera, sabato 15 settembre, in prima serata da Rai Uno.
L’incontro è stato preceduto dalla proiezione del promovideo realizzato per promuovere la diretta di domani sera - lo potete vedere qui sotto:

“Non sarà un concerto qualsiasi, ma una forma di festa” ha esordito Baglioni “in cui faremo ascoltare un’ideale colonna sonora del mio cammino di questi cinquant’anni nella musica. Questo concerto ‘non qualsiasi’ è una forma di teatro musicale: le canzoni in scaletta sono 35, e verranno eseguite in ordine cronologico rispetto alla loro uscita discografica. Ho scelto le più ‘riconoscibili’, badando che ogni mio album fosse rappresentato almeno da un brano; e questo mi ha comunque costretto a qualche dolorosa esclusione”.

“Non sarà un concerto qualsiasi” ha concluso Baglioni “ma un total show”.


E in effetti i numeri sono impressionanti: 22 polistrumentisti, oltre 100 performer, 26 artisti di altre discipline, 20 cambi d’abito in scena - e un palcoscenico centrale di 450 metri quadrati, in maniera da permettere a tutti coloro che occuperanno le gradinate dello storico teatro romano di assistere allo spettacolo da un punto di vista privilegiato.
Ecco i musicisti che accompagneranno Baglioni: Paolo Gianolio, Roberto Pagani, Pio Spiriti, Mario Guardini, Adrian Zammit, Rossella Rubini, Serena Caporale, Claudia Arvati, Serena Bagozzi, Silvia Aprile, Stefano Pisetta, Elio RIvagli, Chicco Gussoni, Giancarlo Ciminelli, Roberto Schiano, Franco Marinacci, Alessandro Tomei, Benedetta Chiari, Miwa Shiozaki, Rosarita Jani Panebianco, Angela Tomei, Walter Savelli.

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/FDY4q9__vgNL5tiP0dfCPWWZLVQ=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/d129707-c-angelo-trani.jpg

Ferdinando Salzano di F&P Group, produttore dello show, ha precisato:

“Sarà davvero un evento unico, anche dal punto di vista tecnico. E’ stato necessario un investimento enorme per allestire a Roma le prove, ricostruendo il palco e le sue strutture. Per la prima volta i 17.000 posti a sedere dell’Arena saranno tutti numerati - e le tre date sono tutte esaurite”. Tanto che Salzano ha sostanzialmente, benché non ufficialmente, annunciato oggi che la chiusura del tour, nella primavera del 2019, sarà di nuovo all’Arena di Verona.
Ecco le date finora confermate:

Prima parte: 16 e 17 ottobre al Nelson Mandela Forum di FIRENZE; 19, 20 e 21 al Pala Lottomatica di ROMA; 23 e 24 ottobre al Pala Prometeo di ANCONA; 26, 27 e 28 ottobre al Mediolanum Forum di MILANO; 30 ottobre al Pala Evangelisti di PERUGIA; 2, 3 e 4 novembre al Pal’Art Hotel di ACIREALE (CT); 6, 7 e 8 novembre al Pala Florio di BARI; 10 e 11 novembre al Pala Sele di EBOLI (SA); 13 e 14 novembre all’Unipol Arena di BOLOGNA; 16 e 17 novembre alla Kioene Arena di PADOVA; 20 e 21 novembre al Pala George di MONTICHIARI (BS); 23 e 24 novembre al Pala Alpitour di TORINO.
 
La seconda parte del tour riprenderà a marzo: 16 marzo al Modigliani Forum di LIVORNO; 26 marzo al Palasport di REGGIO CALABRIA; 29 marzo al Pala Lottomatica di ROMA; 2 aprile a Pala Rubini Alma Arena di TRIESTE; 5 aprile al Forest National di BRUXELLES; 7 aprile al Hallenstadion di ZURIGO; 9 aprile a RDS Stadium di GENOVA; 15 aprile al Pala Verde di TREVISO; 24 aprile al Nelson Mandela Forum di FIRENZE.

Come farai, chiedono a Claudio Baglioni, ad occuparti anche della direzione artistica del Festival di Sanremo, impegnato come sarai con il tour in ottobre e novembre?

“Avrò più tempo dell’anno scorso, perché quest’anno abbiamo cominciato prima e stiamo già lavorando. Dover cantare la sera mi aiuterà ad essere meno ossessionato dall’organizzazione del Festival - sarà una bellissima distrazione”.

“E perché, dopo il grande successo della prima edizione, hai deciso di correre il rischio di occuparti anche della prossima?” gli viene chiesto. “Per dimostrare che la prima volta non è stata una botta di fortuna”.

Ma le domande sul Festival oggi non sono particolarmente gradite, e il discorso viene ricondotto al concerto, che durerà tre ore e mezza - un tempo record anche per un concerto in diretta televisiva.

Parla Giuliano Peparini, regista e coreografo:

“Ho sempre avuto il desiderio di lavorare con Claudio, perché sono un suo fan e sono cresciuto con le sue canzoni. E le sue canzoni raccontano la vita, quindi mi ispirano immediatamente idee e immagini. Certo la struttura centrale è complicata da gestire, ci sono in scena 150 persone - e ci saranno momenti di spettacolo anche fuori dal palcoscenico, negli spazi dell’Arena”.

E interviene Duccio Forzano, regista della diretta RAI:

“Torno dopo vent’anni a fare la regia di un concerto per la RAI. La novità è che daremo, oltre al punto di vista del pubblico su Claudio, anche il punto di vista di Claudio sul pubblico. In alcuni momenti cercheremo di essere concerto, in altri di essere musical”.

Una domanda inevitabile riguarda il nuovo album di Claudio Baglioni:

“Ho un album in lavorazione con Celso Valli, e siamo a buon punto. Ora la lavorazione è stata sospesa, dopo la decisione di accettare da direzione artistica del Sanremo 2019. Quindi non aspettatevi canzoni nuove nei concerti, non ce ne saranno”.

E, almeno nella prima parte del tour, non sono previsti ospiti speciali a sorpresa: la scaletta dello spettacolo è così complessa che non sarebbe possibile inserirne.

Domani Rockol pubblicherà la recensione del concerto di Verona di venerdì 14 settembre.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi
PROG ITALIANO
Scopri qui tutti i vinili!