Guns N’ Roses, Slash a Yahoo! Entertainment: ‘Alcune delle nostre canzoni sono in qualche modo sessiste. Ma non c’era malizia’

Guns N’ Roses, Slash a Yahoo! Entertainment: ‘Alcune delle nostre canzoni sono in qualche modo sessiste. Ma non c’era malizia’

Il chitarrista capellone addetto alle sei corde dei Guns N’ Roses ha espresso, in un’intervista con il portale Yahoo! Entertainment, il suo punto di vista sulle accuse di sessismo rivolte alla band statunitense in merito ai testi firmati dalla formazione, finiti recentemente nel mirino del movimento #MeToo. Alla domanda se il catalogo della band fosse invecchiato bene, nei tempi del #MeToo, Slash ha notato come “alcune delle canzoni erano in qualche modo sessiste, ma non devono essere prese troppo seriamente”. Per poi aggiungere, in difesa della band: “Non penso che fossero maliziose o qualcosa del genere”. Allo stesso tempo, allargando lo sguardo oltre i testi, il musicista ha sottolineato come “non avevamo quella particolare relazione predatoria con le ragazze. Era molto più comune il contrario, in alcuni casi”.

In generale, Slash non è mai stato tra i massimi estimatori del movimento nato in risposta alla scandalo che ha coinvolto il magnate Harvey Weinstein, mettendo in luce, nelle scorse settimane, i rischi di eventuali false accuse: “Il problema è che puoi essere falsamente accusato di qualcosa, ma quasi non ha importanza – è fuori”, aveva dichiarato. Proseguendo: “Anche se poi il tuo nome ne esce pulito, il danno è fatto. Ed è piuttosto triste”.

Per il musicista, poi, la maggiore attenzione nei confronti del linguaggio riferito al mondo femminile, e non solo, nei testi starebbe andando di pari passo con la perdita dell’attitudine prettamente rock’n’roll che caratterizzava invece, dal suo punto di vista, i Guns N’ Roses e le band a loro contemporanee. Così Slash:

Quel tipo di spirito, è ancora in giro. È ancora nelle band metal. È ancora nelle band che hanno qualcosa che vogliono esprimere e che forse non stanno attraversando il momento migliore per averci a che fare. Ma quell’attitudine non è qualcosa di costruito e dunque ora, in questo particolare momento, molte band e molti artisti stanno facendo un sacco di cose diverse – e non molte di esse sono davvero rock’n’roll. Non c’è nulla contro cui ribellarsi. Penso che cercare di capire che attitudine avere nella musica, nelle canzoni, e così via, sia probabilmente difficile per molte giovani band perché ora si tratta di nuovo di politica. Perciò vediamo in cosa si trasformerà.

La scorsa primavera la band ha fatto sapere che avrebbe escluso dalla ristampa deluxe del suo “Appetite for Destruction”, "Locked N 'Loaded", il brano “One In a Million”, dopo che il pezzo è stato a più riprese accusato di razzismo e omofobia.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
FRANCESCO DE GREGORI
Scopri qui tutti i vinili!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.