Sony ammette di avere pubblicato dei falsi di Michael Jackson

Sony ammette di avere pubblicato dei falsi di Michael Jackson

Nel 2010 sono state pubblicate diverse canzoni che sarebbero state registrate dal defunto Michael Jackson. Quattro anni più tardi, un fan aveva contestato la legittimità della musica, portando molti a credere che quella musica fosse fraudolenta. Ora, a quasi tre anni dallo scandalo, come riporta Vibe, Sony Music Entertainment ha ammesso di aver registrato e venduto melodie false del Re del Pop.

Le false canzoni false sono state pubblicate sull'album postumo pubblicato nel 2010, “Michael”. Le canzoni in questione sono: "Monster", "Keep Your Head Up" e "Breaking News". Con i documenti giudiziari, Vera Serova - la fan che ha dato il via alle indagini sulle false canzoni di Michel Jackson - ha intentato una causa civile , accusando gli amici di vecchia data di Jackson, Eddie Cascio, James Victor Porte e la sua società di produzione, Angelikson Productions LLC, di avere creato e venduto musica attraverso Sony.

Cascio e Porte affermarono che le canzoni erano state registrate nel seminterrato di Cascio nel 2007. Serova e la famiglia Jackson contestarono questa affermazione. I singoli erano simili al suono di Michael Jackson, ma dissero che Michael non li aveva mai registrati. Serova ha testimoniato alla Corte Superiore di Los Angeles che vennero registrati da un imitatore di nome Jason Malachi.

Sony Music Entertainment ha ammesso in tribunale di aver pubblicato singoli falsi. Non è dato sapere se ci sarà una sanzione pecuniaria nei confronti Sony.

Caricamento video in corso Link
Dall'archivio di Rockol - Thriller: Quando Michael Jackson diventò il Re del Pop
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.