La Chiesa di Satana chiarisce il ruolo di Marilyn Manson nell’organizzazione

La Chiesa di Satana chiarisce il ruolo di Marilyn Manson nell’organizzazione

La Chiesa di Satana ha parlato del ruolo di Marilyn Manson all'interno della propria religione, rivelando che in realtà non è un ministro ordinato.

Il "God Of Fuck" scrisse una volta nella sua autobiografia del 1998 “The Long Hard Road Out Of Hell” che il fondatore Anton Szandor LaVey lo nominò "Ministro nella Chiesa di Satana" nel 1994, mentre era in tour con Nine Inch Nails.

"Verso la fine della nostra visita, disse: 'Voglio farti reverendo', e mi diede una tessera rossa che mi attestava come ministro nella Chiesa di Satana", ha scritto Manson. "Era come una laurea ad honorem da un'università".

Mentre me ne stavo andando, LaVey mi mise una mano ossuta sulla spalla e mi disse freddamente: ‘Farai un grande colpo’. Farai un'impressione nel mondo’

Ora, la Chiesa ha risposto a questo caso di folklore rock n' roll - negando che Manson sia stato ordinato.

"Quasi 30 anni fa, gli è stato dato un sacerdozio onorario per i suoi successi nel mondo reale", hanno detto. "Questo non vuol dire ssere 'ordinato', né è collegato a qualcosa che potrebbe aver detto decenni dopo".

La Chiesa di Satana è un'organizzazione religiosa fondata nel 1966 a San Francisco, California, USA, da Anton LaVey.

Marilyn Manson è stato recentemente colpito da un malore nella serata dello scorso sabato 18 agosto a Houston, Texas, quando dopo appena cinque canzoni - colpito da quella che una testata locale ha definito un'"intossicazione alimentare" - è stato costretto a dare forfait ritirandosi dietro le quinte. L'artista ha fatto sapere ai fan: "Mi sto curando, farò del mio meglio".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.