NEWS   |   R'n'B / hip hop / 16/08/2018

Morte di Aretha Franklin, gli omaggi di Donald Trump e Barack Obama

Morte di Aretha Franklin, gli omaggi di Donald Trump e Barack Obama

La scomparsa della Regina del Soul è stata capace di unire - seppure nel lutto - ciò che la politica e la società non sono mai riuscite a tenere insieme (in tutto il resto): l'ex presidente degli Stati Uniti, il democratico Barack Obama, e l'attuale inquilino della Casa Bianca, il repubblicano Donald Trump, hanno entrambi offerto il proprio tributo, in via ufficiale, ad Aretha Franklin, morta oggi a Detroit all'età di 76 anni dopo una lunga lotta contro un male incurabile.

A manifestare per primo il suo cordoglio è stato Donald Trump, che sul proprio canale Twitter ufficiale ha postato:

"La regina del soul, Aretha Franklin, è morta. Era una grande donna, con un incredibile dono di Dio: la propria voce. Ci mancherà"

A stretto giro è arrivato anche il ricordo di Barack Obama, che incontrò la cantante nel 2015 a Washington in occasione della sua esibizione durante la serata di gala degli annuali Kennedy Center Honors.

"(...) Aretha ci ha aiutato a definire l'esperienza americana. Nella sua voce abbiamo avuto sentire la storia, tutta e in ogni sua sfumatura, la nostra forza e il nostro dolore, la nostra oscurità e la nostra luce, la nostra ricerca di redenzione e il nostro rispetto conquistato a fatica. Lei ci ha aiutato a sentirci più uniti gli uni agli altri, più speranzosi, più umani. E certe volte ci ha aiutato a dimenticarci di tutto e a ballare. Aretha può essere andata in un posto migliore, ma il dono della sua musica resterà a ispirarci tutti. Possa la Regina del Soul risposare in pace eterna. Michelle e io mandiamo le nostre preghiere e la nostra più sentita vicinanza alla sua famiglia e a quanti siano stati toccati dalle sue canzoni". 

Scheda artista Tour&Concerti
Testi