'Billy Corgan è il padre di Taylor Swift': la meme fa il giro dei social. E lui scrive un lunghissimo post

'Billy Corgan è il padre di Taylor Swift': la meme fa il giro dei social. E lui scrive un lunghissimo post

Nell'era dei social network succede anche questo. Qualcuno si è divertito a fare un collage tra una foto di Taylor Swift struccata e una foto di Billy Corgan e a far notare presunte somiglianze nei lineamenti tra i due. L'immagine ha cominciato a girare sui social network, diventando una vera e propria meme. Dunque, la sentenza: Billy Corgan è il padre di Taylor Swift. Ma il frontman degli Smashing Pumpkins non ci sta e scrive un lungo post sui social per commentare la vicenda.

View this post on Instagram

You have to love the Internets. Seems this is a new meme going around (someone sent this to me) where I guess the question is(?): Is T Swift my child. Hmm... I'll take the compliment of the comparison here despite the fact that I guess the jokes on me? (and not the lovely and talented Miss Swift) Which becomes a good starting point back into where I left off last time; on notions of image/self-esteem/God/and self-love. But before I do let me express how I continue to be blown away by the number of messages I am receiving regarding these issues. There simply is no end to how many are struggling, and it seems to have some connection to this modern or Digital Age culture we are living in. Where what's real is just as relevant, or so it appears, as to what is constructed, fake or false. Where a real you must negotiate time-space next to the more shiny or dark social media avatar of you, and so on and so forth up the food chain of governments and endless celebrity. Each tier of human life augmented to the point where what you no longer know what, or whom, to believe in; including God. And for those new to the game, it is easiest for me to speak of my own experience. So please consider that I do so as illustration. Take from it as you will... There is NO such person as 'Billy Corgan'. He (BC) does not exist. Or, if he does exist (per these times), he is a creation from my mind to yours, and no different than a cartoon drawing of Batman or Sponge Bob. Trace the route: from 1967 to 1985 I was Bill Corgan, born WPC. My father was known to us as Billy, so he does exist, but the 'Billy' I speak of, the one who made records with SP and appeared on chat shows, was a creation. And I still remember the day around age 18 when I told someone, 'don't call me Bill anymore. I am Billy now...' Now why would I do such a thing? Because Bill, or Little Bill as I was known to the family, was beaten, harassed, broken and discarded over so many years, and in so many separate instances (let's say the number of disassociative events is in the thousands) that he (Bill) was WORTHLESS to me. But Billy Corgan, a construct of my own making, with a different walk, haircut, and...end pt 1

A post shared by WilliamPatrickCorgan (@williampcorgan) on

Corgan rilancia l'immagine sul suo account Instagram ufficiale e nella didascalia che accompagna la foto scrive:

"Bisogna amare internet. Pare stia girando molto questa meme in cui ci si chiede se Taylor Swift è mia figlia. Hmm. [...] Continuo ad essere spazzato via dal numero di messaggi che sto ricevendo riguardo questa cosa. Tutto ciò sembra avere qualche connessione con questa cultura dell'età moderna o digitale in cui viviamo. Dove ciò che è reale è appena rilevante rispetto a ciò che è falso e finto. [...] Non si sa più a cosa o a chi credere".

Il post si conclude con una provocazione: "Billy Corgan non esiste. E se esiste è una creazione della mia mente, non diversa da Batman o Sponge Bob". Taylor Swift, dal canto suo, non ha commentato la vicenda.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.