NEWS   |   Industria / 23/07/2018

Scf e Rtl 102.5, siglato accordo per la diffusione di musica in radio e multipiattaforma

Scf e Rtl 102.5, siglato accordo per la diffusione di musica in radio e multipiattaforma

Enzo Mazza e Lorenzo Suraci, rispettivamente presidente di Scf (società di gestione collettiva che rappresenta le principali case discografiche italiane) e Rtl 102.5, hanno siglato un nuovo accordo per la diffusione di musica in radio.

L'accordo consentirà a Rtl 102.5 la diffusione di milioni di brani musicali di oltre 46.000 etichette rappresentate da Scf, oltre naturalmente, in virtù dei mandati internazionali, anche del repertorio globale dell'industria musicale.

Enzo Mazza, presidente di Scf, commenta:

"Siamo molto contenti di aver costruito con RTL 102.5 quest’innovativo contratto di licenza. Come è noto, anche nell’era dello streaming la radio rappresenta ancora il segmento principale per la music discovery, con l’86% dei consumatori di musica (IFPI consumer report 2018) che usano il mezzo radiofonico per accedere a musica, contro il 61% dello streaming audio. In questo contesto anche la musica rappresenta un elemento strategico per la radio e nell’accordo con RTL 102.5 abbiamo tradotto le rispettive esigenze dei due settori in un articolato modello che soddisfa entrambi e riconosce il valore economico dei diritti messi a disposizione".

Da parte sua, invece, il presidente di Rtl 102.5 Lorenzo Suraci, dice:

"Siamo molto soddisfatti di questo accordo a riprova dell'impegno di RTL 102.5 ad investire con continuità nel settore radiofonico. Confermiamo una nuova e più stretta partnership tra SCF, principale collecting italiana nella gestione dei diritti connessi, e RTL 102.5, la radio più ascoltata in Italia, che punta da sempre sulla valorizzazione della musica e della creatività italiana. Sinergie di questa portata danno un contributo rilevante non solo alla crescita e allo sviluppo dei settori radiofonico e discografico, ma all’intera industria culturale, un settore strategico per il rilancio del sistema Paese".