Come funzionano le playlist? A settembre una open lecture del Master in Comunicazione Musicale

Come funzionano le playlist? A settembre una open lecture del Master in Comunicazione Musicale

Le piattaforme streaming, secondi i dati IFPI, hanno 176 milioni di utenti e valgono da sole il 38,4% del mercato della musica registrata. E in questo panorama sone sempre più importanti le playlist. Sono la porta di ingresso a cataloghi sconfinati e immediatamente disponibili, le bussole per non perdersi tra milioni e milioni di canzoni. 

Se volete capire come funzionano, come vengano create e quanto contano nel successo di un brano e nella carriera di un artista, segnatevi questa data: 5 settembre, ore 17. In Università Cattolica, a Milano, si svolgerà una open lecture del Master in Comunicazione Musicale, in cui si ragionerà su questa tema centrale della musica odierna, sia per l’industria che per il pubblico.

A raccontare come funziona questo sistema saranno presenti Marco Danelli, (Editor/Music Programmer Specialist Mtv/Vh1), Gabriele Sinesio (Digital Marketing Manager, Warner Music Italy), Paola Zukar (Big Picture Management, manager di Fabri Fibra). Operatori del settore discografico, dei media e del management (tra cui due ex studenti del Master, ora professionisti e docenti) che ogni giorno lavorano con e sulle playlist, assieme alla manager che da più tempo lavora nel genere che è il simbolo di questa evoluzione digitale della musica, il rap.
Modererà l'incontro Gianni Sibilla, direttore del Master (e caporedattore di Rockol).

L’incontro è libero ed aperto a tutti, fino ad esaurimento posti in aula. E' pensato come occasione di aggiornamento per gli interessati al settore del music business, addetti ai lavori ed ex-studenti e rivolto ai futuri alunni del Master come introduzione al corso in partenza a novembre. Da qualche anno, infatti, il Master in Comunicazione Musicale organizza lezioni aperte sui temi centrali della musica: negli anni scorsi si è parlato dell'evoluzione dei concerti, del rapporto della musica con TV e talent show, del management degli artisti.

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/yF5uLv3KiPFbX2s17Rw5yGCSVow=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/mtv-03-03-2017-7.jpg
Il Master in Comunicazione musicale è il corso universitario post-laurea dell'Università Cattolica di Milano: giunge nel 2018-2019 alla 18° edizione - le iscrizioni alle selezioni sono già aperte e anche quest'anno sono a disposizione due borse di studio parziali (a copertura di metà della retta d’iscrizione) per i primi due candidati della graduatoria.
Nato nel 2000, ha formato quasi 450 studenti, con altrettanti stage e un totale di oltre 7000 ore in aula, tra incontri con gli operatori del settore, laboratori e lezioni sulla discografia, concerti, distribuzione, promozione e marketing, fino all'attualità e al futuro del digitale e dello streaming. In cattedra i migliori professionisti del settore della musica e dell’industria dei media: la nuova edizione si svolgerà a partire da novembre 2018, con iscrizioni alle selezioni entro l'8 di ottobre. 
Il Master è promosso dall’Alta Scuola in Media, Comunicazione e Spettacolo dell’Università Cattolica:  forma a 360° i suoi studenti, portando in cattedra docenti universitari, artisti e un numero sempre maggiore di ex alunni del Master. Infatti, sono già all’attivo ben 8 corsi e laboratori tenuti da ex allievi, ormai affermati professionisti, e crescono sempre di più le testimonianze di ex studenti che ogni anno vengono chiamati in cattedra a tenere lezioni sulle case history delle aziende in cui ora lavorano.  Tra i partner del corso, ci siamo anche noi di Rockol.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.