Otis Redding, il Re del Soul: le dieci canzoni più famose (1 / 11)

Otis Redding, il Re del Soul: le dieci canzoni più famose

James Brown, nella sua autobiografia, sostiene di avergli sconsigliato di muoversi in aereo tra una tappa e l'altra del tour. Specie se la destinazione è il Wisconsin, dove in inverno fa freddo e il tempo è brutto, un po' come in Iowa, dove - solo otto anni prima, in febbraio, nei pressi di Mason City - il Beechcraft Bonanza con a bordo Ritchie Valens, Buddy Holly e J. P. Richardson si schiantò in quello che Don McLean prima e l'America tutta dopò avrebbe ricordato come "the day that music die".

Per un brutto scherzo del destino la vita di Otis Redding, la stella più lucente del soul e del rhythm and blues a stelle e strisce, finirà allo stesso modo, a Madison, in Wisconsin, il 10 dicembre 1967, dove sempre un Beechcraft - a pochi minuti dall'atterraggio - si schianterà mettendo fine alla carriera di uno dei più influenti ambasciatori della musica afroamericana nel mondo.

La storia dell'uomo che avrebbe modellato il sound della Stax diventando non solo un performer immortale ma anche uno dei produttori e talent scout più influenti della sua generazione è simile a quella di molti altri grandi di una discografia che non c'è più: prima la gavetta a cottimo alle dipendenze di Little Richard e Johnny Jenkins, poi la fama, quella vera, con canzoni prima salite in vetta alle classifiche di vendita e poi entrate di diritto nel patrimonio culturale dell'occidente. Da "These Arms of Mine" all'arcinota "(Sittin' On) The Dock of the Bay" (quest'ultima scritta con Steve Cropper, colonna della house band della Stax, Booker T. & the M.G.'s, meglio noto al pubblico generalista come il barbuto chitarrista dei Blues Brothers), ecco i dieci brani più celebri cantati da Otis Redding. Buon ascolto!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.