NEWS   |   Industria / 29/06/2018

Instagram: è ora possibile aggiungere musica protetta da copyright direttamente alle 'Stories'

Instagram: è ora possibile aggiungere musica protetta da copyright direttamente alle 'Stories'

Il social media nato per la condivisione di foto di proprietà di Facebook ha annunciato il suo ultimo traguardo: più di 400 milioni di persone utilizzano ogni giorno le proprie "Stories" per condividere foto e video.

Insieme a questo annuncio, Instagram ha comunicato l’arrivo di una nuova funzione per le "Stories": è ora possibile aggiungere musica protetta da copyright direttamente alle "Stories" create dagli utenti grazie ai recenti accordi di licenza musicale di Facebook, che includevano anche Instagram.

"Dopo aver catturato la foto o il video, ora è possibile aggiungere musica toccando il pulsante e selezionando il tasto con l’immagine di una nota musicale. Su iOS (il sistema operativo di Apple), è possibile anche selezionare un brano prima di catturare la foto o il video scorrendo verso la funzione 'Music' nella fotocamera", ha spiegato Instagram in un post pubblicato sul suo blog. "Quando gli amici vedono la tua storia, la canzone verrà riprodotta automaticamente. Vedranno anche un adesivo intercettabile con il titolo del brano e il nome dell'artista".

La musica nelle storie di Instagram ha il potenziale per essere un nuovo e potente canale di scoperta per canzoni e artisti, anche se per ora non è un vero e proprio servizio di streaming per riprodurre le canzoni.

Instagram ha aggiunto che la funzione "Music in Stories" sarà disponibile in alcuni i paesi “selezionati” a partire da oggi, con un lancio globale in programma per "il breve futuro". Il portavoce di Instagram ha dichiarato che il servizio verrà lanciato in Australia, Nuova Zelanda, Francia, Germania, Svezia, Regno Unito e Stati Uniti.

Per Instagram, il lancio di oggi è il primo frutto delle offerte di licensing di Facebook, tra cui quelle con Universal Music a dicembre 2017, Sony Music a gennaio 2018 e Warner Music a marzo 2018, nonché con le società indipendenti Merlin, Beggars Group, PIAS e InGrooves.Tali accordi riguardavano l'uso della musica nelle clip caricate dagli utenti su Facebook, ma anche su Instagram, Facebook Messenger e Oculus VR.