Oggi il vinile compie 70 anni

Oggi l’album in vinile compie 70 anni. Tanto il tempo trascorso da quando la Columbia Records pubblicò il concerto in E minor di Mendelssohn eseguito dal violinista Nathan Milstein con la New York Philharmonic Symphony Orchestra diretta da Bruno Walter.

Per festeggiare questo anniversario, come riporta la Reuters, Sony Classical e HMV hanno stampato 500 copie di quel disco, di cui una sarà donata all’archivio della British Library.

Dichiara Andy Linehan, curatore della musica popolare nell'archivio sonoro della British Library:

"L’introduzione del long playing è stato un grande passo in avanti per la registrazione del suono e per l'ascoltatore. In precedenza si potevano avere più o meno solo tre minuti su un lato di un disco e ora con un solco più stretto e una velocità più bassa si potevano avere fino a 20 minuti, il che significava poter avere un intero pezzo classico su un lato di un disco...si potevano avere un intero pacchetto di canzoni insieme su un disco."

Così è nato l'album come noi lo conosciamo.

Lo studio sul long playing iniziò nel 1941 per merito del presidente della Columbia Edward Wallerstein, che voleva che i consumatori potessero ascoltare un intero movimento di una sinfonia su un solo lato di un disco. Il team della CBS Laboratories guidato da Peter Goldmark, che comprendeva gli ingegneri della Columbia William Savory, William Bachman e Howard Scott. I lavori vennero sospesi durante la seconda guerra mondiale e ripresi nel 1945 e il frutto del lavoro, l'LP, venne svelato in una conferenza stampa del giugno 1948 al Waldorf Astoria. Nonostante alcuni piccoli perfezionamenti e il successivo avvento del suono stereofonico, l'LP è rimasto il formato standard per gli album in vinile dai tempi della sua invenzione.

Dall'archivio di Rockol - Quando la rockstar mostra il medio
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.