Esibirsi dal vivo: informazioni e consigli utili. Cosa significa essere esenti dagli adempimenti INPS ex Enpals

Esibirsi dal vivo: informazioni e consigli utili. Cosa significa essere esenti dagli adempimenti INPS ex Enpals

Per i musicisti che appartengono ai casi di esenzione dagli adempimenti INPS ex ENPALS, l’errore di interpretazione più diffuso è la convinzione che “Sono esente” corrisponda a “Sono in regola”.

Essere “esenti dagli adempimenti INPS ex gestione ENPALS” significa esattamente quello che è scritto ovvero non serve fare il documento di agibilità INPS ex gestione ENPALS e non serve versare i relativi contributi sul compenso.

Ma non basta. Serve regolarizzare anche il cachet sotto l’aspetto fiscale

Ricordate quanto scritto nel primo articolo di questa rubrica: quando si intrattiene i clienti di un’attività di lucro (bar, ristorante, hotel, chiosco ecc.) quindi si è lavoratori ed oltre alla regolarizzazione contributiva serve essere in regola anche sotto l’aspetto fiscale.

Trattandosi di un “lavoro” questo deve essere retribuito e la retribuzione deve essere erogata dal gestore del locale o organizzatore dell’evento in maniera regolare. Questo non riguarda l’INPS ex gestione ENPALS ma la parte prettamente fiscale.

Se ci pensate la cosa è abbastanza naturale visto che lo stesso riguarda gli altri lavoratori che stanno operando nel contesto dell’evento come barista, cameriere ecc.

Per regolarizzare il pagamento del compenso ai musicisti ci sono fondamentalmente tre possibilità:
1) il gestore o organizzatore regolarizza l’artista con contratto di prestazione occasionale
2) l’artista è iscritto ad una cooperativa e attraverso questa emette fattura.
3) l’artista ha una propria partita IVA (ma in questo caso si presume che l’artista sia un professionista e non rientri tra i casi di esenzione)

Nel primo caso i datori di lavoro hanno degli adempimenti da seguire come il versamento della ritenuta e redazione della Certificazione Unica per ogni artista che si esibisce.

Nel caso invece gli artisti emettano fattura attraverso cooperativa o con propria Partita IVA il gestore dovrà solo consegnare tale documento al proprio commercialista.

Salvo alcune eccezioni, che vedremo nei prossimi articoli, in caso vengano rilevati artisti non regolari il rischio è a carico del gestore del locale/organizzatore dell’evento. Per questo bisogna tenere presente che per l’artista iscriversi ad una cooperativa per regolarizzarsi in modo autonomo non è un obbligo ma un servizio utile che può offrire a chi lo ingaggia sgravando questi dalla gestione burocratica e dal rischio di sanzioni dando modo, oltretutto, di scaricare il costo del cachet a livello contabile.

A cura di Giuliano Biasin, www.esibirsi.it.

Dall'archivio di Rockol - Quando la rockstar mostra il medio
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.