Joan Thiele, esce solo in digitale il primo album 'Tango': 'Il cd sta diventando una cosa anacronistica'

Joan Thiele, esce solo in digitale il primo album 'Tango': 'Il cd sta diventando una cosa anacronistica'

Forse è ancora poco conosciuta al pubblico "mainstream", però negli ultimi mesi Joan Thiele ha collezionato una manciata di esperienze abbastanza importanti: su tutte, la partecipazione al South by Southwest di Austin e l'esibizione sul palco del Concerto del Primo Maggio a Roma. La cantautrice di origini colombiane sta costruendo il suo percorso artistico tassello dopo tassello: "Tango" è il suo primo album sulla lunga distanza, dopo un ep uscito nel 2016. Il disco è stato pubblicato solamente in digitale e - almeno per il momento - non sono previste copie fisiche in formato cd: "Una scelta presa di comune accordo con la mia casa discografica", spiega lei a Rockol, "sono legata all'oggetto disco, ma bisogna essere realisti: oggi la musica è liquida. Magari stamperò dei vinili che chi mi segue potrà comprare ai concerti. Dispiace, ma il cd sta diventando una cosa anacronistica: io mi sono resa conto che non ho più un lettore cd nemmeno in macchina".

Caricamento video in corso Link
"Tango" è un disco personale. Joan ha iniziato a scriverlo un anno e mezzo fa, quando è partita per Armenia, in Colombia, la città dove vive suo padre: "È stato un viaggio molto forte a livello emotivo: andavo lì per stare vicina a mio papà, che stava affrontando una malattia. È stato lì che ho iniziato a scrivere, a mettere giù le idee per quelle che poi sono diventate le canzoni del disco", racconta la cantautrice, "lavorare a questo disco è stato terapeutico". Il titolo dell'album non ha niente a che vedere con la danza: "'Tango' deriva dal latino e significa 'toccare'. Può essere legato anche ad un discorso emotivo: 'toccare emotivamente', diciamo".

Tra passeggiate in montagna e chiacchierate con la sua famiglia, Joan ha ritrovato le sue radici: "È stato come se le canzoni fossero venute da me". Le canzoni raccontano storie reali, ma lo fanno attraverso immagini simboliche e metaforiche: "'Blue tiger', ad esempio, parla di un uomo rapito che quando torna a casa si sente una persona diversa, una tigre blu. Dietro c'è una storia tosta", spiega, "'Mountain of love' e 'Cocora', invece, sono ispirate a Cocora Valley, una vallata che si trova vicino Armenia, dove io e la mia famiglia andavamo a passeggiare. Raccontano i nostri momenti insieme e il modo con cui siamo riusciti a superare le difficoltà".

Caricamento video in corso Link
Una volta tornata in Italia la cantautrice si è chiusa nel Red Music Studio insieme ai suoi collaboratori. La produzione è frutto della collaborazione con gli Etna, al suo fianco da ormai qualche anno, mentre gli ingegneri del suono Donato Romano, Carlo Zollo e Chris Tabron hanno rifinito i pezzi: "Avevo in mente la direzione che volevo prendere, dove volevo andare, il suono che volevo trovare. Loro mi hanno aiutata a trovare la dimensione perfetta, a livello di suono. Gli Etna suonano insieme a me da tre o quattro anni, siamo cresciuti insieme: non ho gli skills che hanno loro, a livello tecnico, però abbiamo lavorato in totale sinergia, un confronto continuo. Lavorare con gli altri è interessante, ti fa crescere".

Il disco, che è stato anticipato dai singoli "Armenia", "Fire" e "Polite", mischia sonorità elettroniche ad altre più acustiche: "Ci sono influenze sudamericane che si ricollegano in qualche modo alla Colombia, come nel caso di 'Azul' o 'Cocora'. Ma poi ci sono pezzi come 'Polite' che sono mega-european". I primi nomi che vengono in mente, se si prova a trovare dei punti di riferimento, sono quelli dei Goldfrapp e di Lorde, ma Joan precisa subito: "Lorde mi piace, però non l'ascolto così spesso. Riconosco che in alcuni passaggi il mio timbro può ricordare il suo, ma non è lei la mia influenza principale. Una cosa che ho ascoltato moltissimo negli ultimi mesi è 'Mala' di Devendra Banhart, ma anche 'Malibu' di Anderson.Paak. Magari non si sente, nel mio disco, però vi assicuro che li ho consumati".

Caricamento video in corso Link
Joan Thiele sarà in tour fino a settembre per presentare dal vivo il suo album: tra gli appuntamenti più importanti quello dell'11 agosto allo Sziget Festival di Budapest e quello del 2 settembre all'Home Festival di Treviso. Ecco, di seguito, il calendario completo:

16-06-2018 Formigine (MO) - Moninga Festival
17-06-2018 Correggio (RE) - Garten
22-06-2018 Bologna - Botanique
24-06-2018 Vicenza - Lumen Fest
30-06-2018 Apecchio (PU) - Portico del Palazzo Rinascimentale
06-07-2018 Cremona - Tanta Robba Festival
12-07-2018 Olgiate Olona (VA) - Idea Village Resort - Zero Summer Club
13-07-2018 Arezzo - Mengo Music Festival
16-07-2018 Senigallia (AN) - Deejay X Masters
19-07-2018 Vialfrè (TO) - Apolide Festival
20-07-2018 Reggio Emilia - Piazza
21-07-2018 Mantova - Arci Festa @ Piazza Te
11-08-2018 Budapest (Ungheria) - SZIGET Festival
18-08-2018 Sant'Elpidio a Mare (FM) - May Day Festival
25-08-2018 Civitella del Tronto (TE) - Paesaggi Sonori @ Fortezza Flavia
02-09-2018 Treviso - Home Festival
05-09-2018 Padova - Rise Festival
08-09-2018 Milano - Big Up ! @ Mare Culturale Urbano

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.