Torino, dopo Vasco forse niente più concerti allo Stadio Olimpico

Torino, dopo Vasco forse niente più concerti allo Stadio Olimpico

I due concerti con i quali Vasco Rossi ha deciso di dare il via ufficialmente al suo nuovo tour negli stadi potrebbero essere gli ultimi show musicali ospitati dallo Stadio Olimpico di Torino. Costi eccessivi e troppi vincoli per la sicurezza, infatti, secondo quanto riferisce La Stampa, avrebbero messo in fuga gli organizzatori di eventi.

Non c'è ancora niente di ufficiale, ma secondo quanto scrive il quotidiano torinese i promoter sarebbero stati scoraggiati dagli eccessi di zelo e dalle difficoltà incontrate negli ultimi mesi per organizzare concerti di star come i Depeche Mode e lo stesso rocker di Zocca (in particolar modo, l'eccesso di scrupoli per i concerti di Vasco ha anche generato momenti di panico, con quasi cinquemila spettatori bloccati ancora ai cancelli mentre il concerto iniziava). E poi i costi: lo Stadio Olimpico di Torino è più caro di San Siro, anche se ha una capienza minore. "Quando hanno ritirato i permessi, qualche giorno fa, gli organizzatori hanno scoperto che rispetto al tour di Tiziano Ferro, lo scorso anno, i canoni per lo stadio Olimpico erano quasi raddoppiati", riporta La Stampa.

Il sindaco di Torino, Chiara Appendino, ha incontrato gli organizzatori dei concerti di Vasco lo scorso 2 giugno, "analizzando le criticità del concerto e confrontandosi sui programmi futuri", come lei stessa ha fatto sapere in una nota.

Dall'archivio di Rockol - Le prove del tour negli stadi a Rockisland: la videointervista
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
FRANCESCO DE GREGORI
Scopri qui tutti i vinili!
13 giu
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.