Milano Music Week, dal 19 novembre la seconda edizione

Milano Music Week, dal 19 novembre la seconda edizione

Dopo il buon esito della prima edizione è stata presentata oggi la nuova Milano Music Week. La seconda edizione si svolgerà dal 19 al 25 novembre 2018. 
Oggi, 1 giugno, alla Triennale di Milano si è svolto un primo incontro pubblico per stampa e operatori, alla presenza dell’assessore alla Cultura del comune di Milano Filippo Del Corno, del curatore Luca De Gennaro e dei partner fondatori: Nuovo IMAIE, Assomusica, SIAE e FIMI.
 “Quella del 2017 era un’edizione volutamente sperimentale: dedicare una settimana di Milano alla musica, consci che è al centro della città in realtà tutto l’anno”, ha spiegato Del Corno. “In questa settimana si fa massa critica, si crea un palcoscenico comune per gli attori del settore, usando diversi luoghi della città”.

La manifestazione ha coinvolto con la prima edizione 120 content partner (dall'industria discografica ai locali, dai centri di formazione agli artisti, dai promoter agli autori) per 7 giorni e 7 notti con oltre 200 artisti, 1000 concerti, 57 dj set e più di 100 panel di approfondimento e anche nel 2018 sarà un appuntamento per la città di Milano, che si animerà con concerti, dj set, dibatti, incontri e seminari, coinvolgendo le più diverse e interessanti location del capoluogo lombardo.

“Rappresentiamo 15.000 artisti italiani, facendo intermediazione per chi utilizza la loro musica. Per noi è un’occasione importante per diffondere consapevolezza  della ricchezza che rappresenta la musica, e il rispetto che merita ci lavora, comparando il sistema Italia con quello europeo”, ha spiegato Maila Sansaini di Nuovo IMAIE.
“Il nostro lavoro è facilitare il rapporto tra chi fa musica e chi la fruisce. Questa settimana serve per creare dibattito, prospettiva e confronto internazionale”, ha dichiarato Vincenzo Spera di Assomusica.
“La seconda edizione è la più rischiosa, è come il secondo album. La musica è una forza economica e culturale trainante del nostro paese. La Milano Music Week è un punto centrale per le nostre attività, perché darà la possibilità a giovani artisti di esprimersi, così come facciamo con Italia Music Export, il nostro nuovo ufficio che agevola la diffusione della musica italiana all’estero”, dice Andrea Ettorre di SIAE.
“La Milano Music Week arriva a concludere un percorso creativo che dura tutto l’anno. E’ importante che siano presenti tutti gli attori della filiera musicale per dimostrare che Milano è davvero una music city” ha concluso Enzo Mazza, presidente di FIMI. Rinnovata anche l’integrazione con il festival Linecheck Festival, rappresentato da Dino Lupelli e la partnership con Vh1 (main media partner).

“Quando si fa una seconda edizione si dice sempre che si deve crescere. Non ci saranno necessariamente più eventi, ma ci sarà sicuramente una maggiore selezione degli eventi, una cura ancora maggiore sulla proposta e sulla coerenza”, ha concluso Luca De Gennaro, che si è definito non “direttore” ma appunto “curatore”.  Da oggi è aperta la mail proposte@milanomusicweek.it alla quale si possono inviare i progetti per la Milano Music Week 2018


 
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.