Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Pop/Rock / 27/05/2019

Siouxsie Sioux: la 'regina oscura' del post-punk britannico (1 / 15)

Siouxsie Sioux: la 'regina oscura' del post-punk britannico

Compie oggi 62 anni Susan Janet Ballion, in arte Siouxsie Sioux, cantautrice britannica e leader del gruppo post punk britannico Siouxsie and the Banshees (1976-1996) e del duo voce-batteria The Creatures (1981-2005). Con i Siouxsie and the Banshees ha pubblicato undici album in studio e molti singoli arrivati nella top 20 del Regno Unito, tra cui “Hong Kong Garden”, “Happy House”, “Peek-a-Boo”, più un US Billboard top 25 hit con il brano “Kiss Them for Me”. Nel 2011 è stata premiata per il suo contributo alla musica ai Q Awards e nel 2012 ha ricevuto l'Inspiration Award all'Ivor Novello Awards.

Giovane controversa e inquieta, con un’infanzia difficile alle spalle, Siouxsie Sioux entra nel 1976 a far parte del Bromley Contingent, un gruppo di eccentrici e anticonformisti seguaci di una nascente band inglese punk: i Sex Pistols. In questo periodo comincia a farsi notare negli ambienti dei locali di Londra per via del suo stile fetish e bondage, che in seguito diventerà parte dell'abbigliamento punk.

Con i Siouxsie and the Banshees, fondati nel settembre del 1976, Susan Janet Ballion ha lasciato un’impronta indelebile nella storia della musica post punk britannica, diventando punto di riferimento per numerosi gruppi a venire: Joy Division, The Cure, U2, The Smiths, Radiohead, PJ Harvey e  Sonic Youth sono solo alcuni dei gruppi che hanno citato i Siouxsie and the Banshees tra le loro influenze.

Siouxsie è stata acclamata da molte cantanti e artisti: PJ Harvey ha selezionato l'album “Anima Animus”, della seconda band di Siouxsie i “The Creatures”, come uno dei suoi 10 album preferiti del 1999. Harvey ha anche detto:

È difficile battere Siouxsie Sioux nelle performance dal vivo. Lei è così eccitante da guardare, così piena di energia e di grezza qualità umana

Robert Smith dei Cure, che ha suonato la chitarra nei Banshees nel tour di “Join Hands” del 1979, poi ancora nel 1982 e nello studio album “Hyæna” del 1984, ha dichiarato:

Siouxsie and the Banshees e i Wire sono stati i due gruppi che ho ammirato molto. Loro significavano qualcosa

Per festeggiare i 61 anni della regina del post-punk britannico, abbiamo scelto alcuni dei brani fondamentali della carriera di Siouxsie con i Banshees.