Warner Music vende 400 milioni di dollari di azioni di Spotify (e distribuisce i ricavi ad artisti e partner)

Il gruppo Warner Music ha venduto 400 milioni di dollari di Spotify, ovvero circa tre quarti delle obbligazioni che la multinazionale guidata da Stephen Cooper posseva della piattaforma di streaming musicale diretta da Daniel Ek: come riferisce Music Business Worldwide, per direttiva emanata dallo stesso Cooper il 75% del totale realizzato grazie all'operazione di cessione sarà distribuito dal gruppo ad artisti inseriti nel proprio roster e a società partner.

    Il gruppo Warner Music ha venduto 400 milioni di dollari di Spotify, ovvero circa tre quarti delle obbligazioni che la multinazionale guidata da Stephen Cooper posseva della piattaforma di streaming musicale diretta da Daniel Ek: come riferisce Music Business Worldwide, per direttiva emanata dallo stesso Cooper il 75% del totale realizzato grazie all'operazione di cessione sarà distribuito dal gruppo ad artisti inseriti nel proprio roster e a società partner.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.