UK, la tecnologia blockchain contro il secondary ticketing: prima sperimentazione ai Mondiali di Calcio 2018

UK, la tecnologia blockchain contro il secondary ticketing: prima sperimentazione ai Mondiali di Calcio 2018

Due giovani laureati dell'Imperial College di Londra – la venticinquenne Annika Monari e il ventinquattrenne Alan Vey - hanno messo a punto un protocollo che sfruttando la tecnologia blockchain, la stessa sulla quale si basa il sistema di criptovalute come il Bitcoin, potrebbe sconfiggere il secondary ticketing: come riferisce il New Musical Express il software messo a punto dai due, battezzato Aventus Protocol, permette agli organizzatori di uno o più eventi di tracciare la proprietà e il prezzo pagato per un titolo di ingresso legandolo indissolubilmente all'identità dell'acquirente, permettendo così una precisa e univoca indentificazione del titolare in fase di ammissione a uno spettacolo dal vivo.

Una prima sperimentazione del nuovo sistema verrà effettuata in occasione del prossimo Campionato Mondiale di Calcio, che si aprirà il prossimo 14 giugno in Russia: 10.000 biglietti per gli incontri presenti nel calendario del torneo verranno distribuiti sui mercati europei attraverso il protocollo studiato dalla Monari e da Vey.

Lo scorso 2 maggio Warner Chappell, BMG e altre importanti società editoriali hanno annunciato di aver unito le forze nel progetto KORD della startup inglese JAAK, che - sempre attraverso la tecnologia blockchain, si ripromette di rivoluzionare su scala mondiale le modalità di gestione e ripartizione dei diritti musicali.

Dall'archivio di Rockol - 11 Artisti diventati famosi grazie ai video su Internet
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.