NEWS   |   Pop/Rock / 03/05/2018

Neil Young - la recensione di "ROXY: Tonight's the Night Live"

Neil Young - la recensione di "ROXY: Tonight's the Night Live"

Settembre 1973, Neil Young e i Santa Monica Flyers inaugurano il Roxy di Los Angeles. Hanno appena finito di incidere “Tonight’s the night” e lo propongono sul palco. “Roxy – Tonight’s the night live” non ha il fascino crudo, l’atmosfera spettrale, il pathos dell’album in studio, ma è più caldo e vivace. E mostra il carattere iconoclasta del canadese che fa a pezzi il proprio mito.

“The first topless girl who get up here gets one of these boots, ladies and gentlemen”, dice scherzosamente Neil Young prima di eseguire “Tonight’s the night”, requiem per un amico morto per overdose. Che c’entrano le ragazze in topless con una musica da funerale? Che succede al Roxy? “Tonight’s the night” del 1975 è l’album in cui il cantante canadese si mette definitivamente alle spalle la cultura hippie per esplorare la decadenza sua e della scena rock dell’epoca. Basato su quel disco, “Roxy – Tonight’s the night live” ne rinnova il culto e ne arricchisce il significato.

Leggi la recensione completa di "ROXY: TONIGHT'S THE NIGHT LIVE" cliccando qui

Scheda artista Tour&Concerti
Testi
BOB DYLAN
Scopri qui tutti i vinili!