Tronical cita in giudizio la Gibson: chiesti 50 milioni di dollari di risarcimento

Tronical cita in giudizio la Gibson: chiesti 50 milioni di dollari di risarcimento

La storica casa produttrice di chitarre e bassi Gibson è stata citata in giudizio dalla Tronical, società tedesca che si occupa di sistemi di accordatura automatici. Il colpo arriva dopo la notizia del rischio bancarotta della Gibson ed è così motivata: il gruppo tedesco accusa l’azienda capitanata da Henry Juszkiewicz di essersi mossa in autonomia alla ricerca di sistemi di accordatura alternativi - per poi allontanarsi dal gruppo tedesco nel 2015- , violando l’accordo stipulato con la Tronical che fosse solamente quest’ultima a occuparsi dell’ambito. Ora gli avvocati Tronical chiedono un risarcimento di 23 milioni di dollari per i mancati proventi e 27 milioni per non aver rispettato i termini del contratto.

Voltando indietro lo sguardo, il sodalizio tra le due aziende era iniziato nel 2007, quando la Tronical ha lanciato il suo sistema di auto-accordatura proprio su un modello di chitarra Gibson. 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.