NEWS   |   Italia / 26/04/2019

Piotta ci racconta (in musica) la sua città: 'Questo è il ciclo del rap romano' - ASCOLTA / VIDEO (1 / 17)

Piotta ci racconta (in musica) la sua città: 'Questo è il ciclo del rap romano' - ASCOLTA / VIDEO

Una gran bella fetta di storia del rap tricolore è nata e fiorita nella Capitale: oggi, con l'hip hop a sbancare nelle classifiche di vendita e con le rime ormai appannaggio del grande pubblico - specie di giovanissimi - risalire fino alle radici di quello che è il fenomeno musicale italiano degli ultimi vent'anni è ancora più importante, perché per capire dove si sta andando è indispensabile sapere da dove si viene. Tommaso Zanello, in arte Piotta, la scena romana ha avuto il privilegio di vederela crescere da protagonista, essendone non solo una delle figure di spicco, ma anche l'ideale traghettatore tra la nicchia underground e il grande pubblico.

A lui, che oggi compie 46 anni, abbiamo chiesto un regalo: quello di farci da guida alla scoperta delle tappe essenziali del rap romano, dalle origini a oggi. Lui, molto gentilmente, ci ha omaggiato di una playlist ragionata (e commentata) dove - in quindici capitoli, più uno - si narra la storia e si fa il punto su quello che è il panorama hip hop della Città Eterna. Dai Flaminio Maphia ad Achille Lauro, da Noyz Narcos a Jesto, da Fritz Da Cat e Ice One a Gemitaiz e Amir, senza dimenticare i grandi Assalti Frontali, ecco - sono parole sue - "il ciclo del rap romano".

Buon ascolto - e tanti auguri, e grazie, Piotta!