Biglietti e concerti, De Luca (Live Nation): 'Dynamic pricing contro il secondary ticketing'. La replica di Trotta (Barley Arts): 'Assurdo: i live diventeranno un lusso e il sistema imploderà'

Biglietti e concerti, De Luca (Live Nation): 'Dynamic pricing contro il secondary ticketing'. La replica di Trotta (Barley Arts): 'Assurdo: i live diventeranno un lusso e il sistema imploderà'

Per la prima volta un organizzatore di concerti in Italia propone direttamente il prezzo dinamico - in inglese dynamic pricing - per i biglietti degli spettacoli di musica dal vivo. A immaginare un modello simile a quello che caratterizza il mercato dei biglietti di treni e aerei per i titoli di ingresso ai live è Roberto De Luca, numero uno di Live Nation Italia, che fu travolto nel 2016 dallo scandalo del secondary ticketing.

Il promoter, rinviato a giudizio nell'ambito dell'inchiesta coordinata dal pm milanese Adriano Scudieri sui rapporti tra la filiale italiana della multinazionale guidata da Michael Rapino e la piattaforma operante sul mercato secondario Viagogo evidenziata da un servizio di Matteo Viviani per Le Iene, intervistato da Luca Dondoni su La Stampa ha dichiarato: "Ho la netta sensazione che il costo ufficiale dei biglietti sia troppo basso. Se la gente continua imperterrita a comprarli sul mercato secondario vuol dire che ha i soldi per farlo".

"Ritengo logico che il biglietto possa avere un prezzo variabile, che possa cambiare nel tempo", ha proseguito De Luca: "Questo potrebbe sconfiggere il mercato secondario, il tanto strombazzato tagliando nominativo crea solo problemi e ulteriori costi. La soluzione potrebbe essere il biglietto 'dinamico'. Un settore può costare 100 euro e a seconda della richiesta, può essere variato in alto come in basso. Se ne vendono? Alzi il prezzo. Non se ne vendono? Lo abbassi, anche di 20 o 30 euro".

A De Luca, che a suo tempo lasciò l'associazione di categoria dei promoter italiani Assomusica proprio per il suo coinvolgimento nell'inchiesta sul secondary ticketing - "Ai tempi delle polemiche sono uscito dalle associazioni di categoria", ha spiegato lui al proposito: "Prima hanno cercato di farmi fuori, ora mi implorano di tornare. Ma non lo farò" - ha virtualmente risposto Claudio Trotta, patron di Barley Arts da sempre schierato in prima persona contro le speculazioni sui biglietti dei concerti.

"Che i prezzi dei biglietti sono troppo bassi è un'affermazione abbastanza grossa, di cui bisognerebbe rendere conto", ha spiegato Trotta a Rockol: "Mi pare che negli ultimi 3 / 5 anni tutti i biglietti - in tutto il mondo, Italia compresa - di tutti gli organizzatori, purtroppo anche di Barley Arts, siano cresciuti esponenzialmente, spesso senza corrispondenze al tenore di vita degli italiani e alle loro possibilità economiche".

"Bisognerebbe dare delle spiegazioni anche riguardo le affermazioni sul fatto che non serva nulla che svariati governi e tribunali nel mondo - in Francia, Germania, Usa, Spagna, Canada e anche in Italia - si stiano occupando con serietà e continuità del grave problema del secondary ticketing, e sul fatto che il biglietto nominale non servirebbe a nulla", prosegue Trotta: "Sull'inutilità dal biglietto nominale sento di dissentire profondamente: ho dimostrato recentemente con concerti che ho organizzato che il biglietto nominale, seppure per ora non supportato da una legge specifica che lo regolamenti, ma con una serie e stretta pratica sul cambio di nominativo, è un serio deterrente nei confronti del secondary ticketing".

"Un biglietto per un concerto non è equiparabile a un biglietto per un treno, un aereo o una sistemazione alberghiera, dove c'è la possibilità di scegliere, perché il biglietto per uno spettacolo è per un preciso giorno e per una precisa location", conclude Trotta: "Mi pare che parlare di biglietto dimanico sia incosistente. Se si mettono insieme la logica del pubblico disposto a pagare tantissimo con quella del biglietto dinamico, si può pensare che determinati eventi e concerti diventino ancora di più appannaggio di chi ha tanti soldi da spendere, e che l'elemento principale che ha caratterizzato lo sviluppo negli ultimi cinquant'anni della musica dal vivo in tutto il mondo, cioè l'accessibilità, vada a decadere. E decadendo l'accessibilità penso che tutto il sistema imploderà, nel giro di pochi anni. L'amore, la passione, la gioia e la condivisione della musica si perderanno nel vento, per citare Bob Dylan...".

Music Biz Cafe, parla Roberto Razzini (Warner Chappell Music Italia)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.