Quella volta che Mick Jagger cercò di sabotare David Bowie

Quella volta che Mick Jagger cercò di sabotare David Bowie

Lo storico produttore di David Bowie, Tony Visconti, parlando a New York con il giornalista Jeff Slate durante un evento legato alla mostra ‘David Bowie is’, ora allestita al Brooklyn Museum, ha ricordato, tra le altre cose, di quella volta in cui il frontman dei Rolling Stones Mick Jagger irruppe nello studio di registrazione mentre il Duca Bianco era al lavoro sull’album “Lodger” - pubblicato nel febbraio 1979 - e abbia cercato di sabotare i lavori.

Visconti ricorda, come riporta Billboard, che c’era un caldo torrido: “Ho un sacco di foto di Brian Eno in topless”. Poi, continua il produttore, durante il missaggio, arrivò Mick Jagger a fornire critiche non richieste: “Mick diceva cose come, ‘La batteria, quel fill non è proprio buono’. E quando gli si disse di tenersi per sé le sue opinioni, lui rispose ‘Ok, allora credo che andrò qui vicino a sabotare l’album di Joni Mitchell’”.

Scheda artista Tour&Concerti Testi
BEATLES
Scopri qui tutti i vinili!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.