Il 'White Album' dei Beatles compie 50 anni: eccolo – in versione 'cover album' (1 / 31)

Il 'White Album' dei Beatles compie 50 anni: eccolo – in versione 'cover album'

Il 22 novembre del 1968 i Beatles pubblicarono il loro nono album, passato alla storia con l'appellativo di "White Album" per la celebre copertina bianca ideata da Richard Hamilton. In realtà il disco si intitola semplicemente "The Beatles", ed è il primo doppio album nella carriera del gruppo; infatti da noi molti lo chiamano “Doppio Bianco”. Il disco è tornato nei negozi il 9 novembre in una edizione ampliata, per i suoi 50 anni

Andò dritto al primo posto in classifica sia in Gran Bretagna che negli USA, dove però arrivò nei negozi solo tre giorni più tardi.

Così ne scrive Franco Zanetti nel libro “Soul e rivoluzione” (Giunti, 2018):

“Attualmente il revisionismo critico vede  il Doppio Bianco in una fase di rivalutazione; quella che a lungo è stata considerata frammentarietà stilistica viene oggi più spesso salutata come prodigiosa ecletticità.

Come a suo tempo evidenziarono positivamente Jann Wenner su ‘Rolling Stone’ (‘in questo album ci sono la storia e la sintesi della musica occidentale’) e negativamente Robert Christgau su ‘The Village Voice’ (‘un pastiche di esercizi stilistici’), le canzoni del disco spaziano liberamente fra hard rock e vaudeville, blues e country&western, ska e ballads, folk, psichedelia e sperimentazione elettronica,  pop ‘impegnato’ e leggero, bozzetti cronachistici, ritrattini sarcastici e confessioni private, intercalate da episodi meno facilmente classificabili e da ovvi riempitivi.

E se John Lennon ha sentenziato che il ‘White Album’ non è per niente un disco dei Beatles ma una raccolta di canzoni soliste dei quattro componenti, David Quantick, che all’album ha dedicato un libro, sintetizza così: ‘Nelle sue quattro facciate di vinile il ‘White Album’ ha inventato qualcosa di nuovo nel mondo della popular music’”.

Per commemorarne il compimento del cinquantesimo anno, abbiamo preparato una sorta di “Doppio Bianco alternativo”, mettendo in fila le canzoni della tracklist originaria ma interpretate da diversi (e disparati) artisti. Un “cover album”, insomma. Speriamo che lo troviate divertente.

Maurilio Giordana (titolare del blog My Way)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.