Hip Hop Weekly: la settimana della scena hip hop secondo Hotmc. VIDEO

Hip Hop Weekly: la settimana della scena hip hop secondo Hotmc. VIDEO

IL FATTO DELLA SETTIMANA: Nasce TRX Radio, la prima radio urban italiana


Già da diversi giorni era evidente che qualcosa bolliva in pentola ai piani alti della scena rap italiana. Diversi suoi esponenti eccellenti, infatti, avevano pubblicato sul loro profilo Instagram un post che mostrava solo un breve video in bianco e nero con il logo di un tirannosauro stilizzato. Il mistero è stato svelato lunedì 26 marzo, quando lo scopo della campagna social è stato ufficialmente annunciato: si trattava del lancio di TRX Radio, la prima radio urban italiana. Fondata e diretta da sette soci (la manager Paola Zukar e i rapper Clementino, Marracash, Fabri Fibra, Gué Pequeno, Salmo ed Ensi), è ascoltabile tramite una app gratuita sviluppata da una squadra di professionisti sotto i trent’anni. Trasmette hip hop italiano e internazionale 24 ore su 24, con particolare attenzione alle uscite recenti, ma non solo. All’estero le radio che si focalizzano solo sulla musica urban sono molto diffuse – in Europa il caso più eclatante e riuscito è quello della francese Skyrock, ormai un colosso di rilevanza mondiale – ma considerando che nel nostro airplay è ancora difficile che il rap trovi uno spazio adeguato, la notizia della fondazione di TRX ha generato grandi speranze e aspettative. Per ora si tratta di una semplice rotazione musicale, con l’aggiunta di playlist curate dai direttori artistici e in onda in diversi momenti della giornata, ma già questo è bastato a scatenare la corsa al download. Tant’è che nei primi tre giorni dal debutto la app è stata scaricata oltre 100.000 volte, arrivando così in cima alle classifiche di Play Store e iTunes Store per le applicazioni gratuite.

 

IL PERSONAGGIO DELLA SETTIMANA: XXTENTACION
In questi giorni XXXTentacion è al centro di una bufera mediatica. Il ventenne è quello che viene definito un “Soundcloud rapper”, nomignolo affibbiato dai giornalisti a quei giovanissimi emergenti che arrivano a una relativa notorietà grazie a brani caricati su Soundcloud; ad accomunarli, oltre alla piattaforma di streaming, c’è anche l’estetica (hanno spesso la faccia tatuata, capigliature colorate e un abbigliamento sgargiante) e la tipologia delle canzoni (suoni dilatati e ipnotici e numerose menzioni a temi quali depressione e assunzione di codeina e psicofarmaci per uso ricreativo). Il genere è nuovo e in forte crescita, ma controverso. C’è chi dice che abbia più in comune con la musica emo che con l’hip hop, e varie fonti lo indicano come il  principale responsabile dell’epidemia di dipendenza da Xanax che dilaga oltreoceano e oltremanica. L’uso del farmaco, infatti, viene ampiamente pubblicizzato dai Soundclound rapper sia nei loro brani che nei loro profili social. XXXTentacion, però, è diventato bersaglio del biasimo generale per un ulteriore motivo: è accusato di numerosi casi di furiosa violenza contro le donne, tra cui il tentativo di strangolare la sua fidanzata incinta, e ogni giorno emergono nuovi raccapriccianti dettagli sulle aggressioni di cui si è reso responsabile. Questo non gli ha però impedito di arrivare in cima alle classifiche con il suo nuovo singolo, “Sad!”, che ha rischiato di uscire come autoproduzione perché l’etichetta Caroline non sembrava più intenzionata a legare la propria reputazione al suo nome.

E mentre sempre più artisti, critici e addetti ai lavori prendono le distanze da lui (non così i fan, a quanto pare) in America dilaga il dibattito: è giusto suonare/promuovere questi artisti o no? Difficile a dirsi, ma forse la domanda da porsi sarebbe un’altra: c’è differenza tra un Soundcloud rapper come XXtentacion e dei gangsta rapper come gli N.W.A., che negli anni ’90 furono largamente boicottati perché accusati di promuovere i valori delle gang e la violenza contro le forze dell’ordine?

IL VIDEO DELLA SETTIMANA: MEZZOSANGUE – NED KELLY
Romano e under 30, ma nell’immaginario dei fan legato a doppio filo al rap italiano degli anni ’90 che è dichiaratamente una grande ispirazione per lui, è diventato famoso anche per il suo grande carisma sul palco (su cui si presenta sempre col volto nascosto da un passamontagna). “Ned Kelly”, dal nome di un famoso criminale australiano del XIX secolo, a cui fu anche dedicato un film interpretato nel 1970 da Mick Jagger, è il primo video estratto dal doppio album “Tree – Roots & Crowns”, pubblicato una settimana fa.

Marta Blumi Tripodi (Hotmc)

Questa notizia è stata realizzata per Rockol da Hotmc. Hotmc.com è il più longevo web magazine italiano sulla cultura hip hop e la musica urban: fondato nel 1998, festeggia quest'anno i vent'anni ininterrotti di attività. La redazione segue quotidianamente le vicende che riguardano la scena hip hop italiana e estera, nonché tutte le varie ramificazioni della musica black, con interviste, recensioni, news e approfondimenti su rap, R'n'B, reggae, writing, breakdance, djing, attualità, cinema, fumetti e moda.

 

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.