DMX è stato condannato a un anno di carcere per evasione fiscale

Non è proprio una novità dati gli innumerevoli trascorsi non proprio edificanti, Earl Simmons, il rapper meglio conosciuto come DMX, è stato condannato a un anno di carcere con l’accusa di evasione fiscale.

Come riporta TMZ, il musicista si è dichiarato colpevole delle accuse e rischiava una condanna fino a cinque anni. Trascorsi i 12 mesi di carcere, Simmons avrà tre anni di supervisione.

Quando è stato arrestato per la prima volta nel luglio 2017, il rapper aveva a suo carico 14 accuse di frode fiscale. Inizialmente non si è dichiarato colpevole e ha pagato 500.000 dollari per essere rilasciato su cauzione, ma in seguito si è dichiarato colpevole dopo avere trovato un accordo con le autorità. Se non avesse raggiunto l’accordo, avrebbe rischiato di essere condannato fino a 44 anni di carcere.

Lo scorso mese di gennaio, DMX era stato arrestato per aver violato i termini della sua libertà su cauzione dopo essere risultato positive a un test antidroga.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.