Jack Bruce, il 'padre' del basso elettrico (1 / 13)

Jack Bruce, il 'padre' del basso elettrico

Il 14 maggio del 1943 nasceva Jack Bruce, storico bassista e voce dei Cream.

Bruce inizia fin da ragazzo a suonare il basso “jazz” per poi iscriversi alla Royal Scottish Academy of Music and Drama, scuola che abbandonò ben presto per dedicarsi alla sua vocazione di puro bassista.

Jack Bruce ha fondato insieme a Eric Clapton e Ginger Baker i Cream: in questo super trio si è distinto come musicista virtuoso e completo, di naturale inclinazione jazz. Nella collaborazione artistica con il paroliere Pete Brown presero forma la maggior parte delle canzoni del gruppo, i Cream infatti restano l’esperienza più significativa della sua carriera. Degne di nota sono state  le sue primissime collaborazioni con la Graham Bond Organization e con i Bluesbreakers Group di John Mayall.

L’avventura in compagnia di Clapton e Baker è stata breve, 1966-1968, ma l’impronta lasciata nella storia del rock è indelebile. L’artista scozzese è stato precursore del basso elettrico, elevato al pari degli altri elementi e reso fondamentale all’interno della musica rock.

La sua carriera solista si protrae fino al 2014, alternando album d’impronta rock a lavori più jazz, riuscendo sempre a mantenere viva una grande attività live dove venivano riproposti i suoi grandi successi del periodo dei Cream. Jack Bruce ha continuato ad esibirsi nonostante le sue precarie condizioni di salute, nel 2004 infatti gli venne diagnosticato un tumore al fegato che probabilmente fu la causa della morte. Jack Bruce è stato compositore e cantante, ma è il suo ruolo di bassista quello che lo ha consacrato come uno dei più grandi artisti della storia del rock.

Qui di seguito ripercorriamo la sua lunga carriera con alcune delle sue canzoni più significative.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.