Lyor Cohen, il responsabile musica di YouTube guarda al futuro con ottimismo: ‘Inizia un’epoca d’oro della musica, grazie allo streaming’

Lyor Cohen, il responsabile musica di YouTube guarda al futuro con ottimismo: ‘Inizia un’epoca d’oro della musica, grazie allo streaming’

L’ex-discografico ora responsabile del dipartimento musicale di YouTube ha condiviso il suo sguardo sul music biz nel discorso che ha tenuto al South by Southwest di Austin, uno dei più grandi festival musicali degli States, che ha luogo ogni primavera nella città texana. Il punto di vista di Cohen è ottimista: l’ex discografico pensa, infatti, che ci si trovi agli albori di “un’epoca d’oro per la musica”. E tutto grazie allo streming, ma con una riserva: perché l’eden dell'industria musicale si realizzi, è necessario un processo di diversificazione della distribuzione, che, annota Cohen, non può essere solo nelle mani di Spotify e Apple. Servono, insomma, più impresari, dei quali si avverte una gran penuria.

Una delle ragioni dell’ingresso in YouTube di Cohen sarebbe stata proprio questa: “Volevo che YouTube e Google avessero successo nel music business per portare diversificazione nella distribuzione. Ho capito che questa era la mia opportunità per aiutare Google e YouTube a lavorare in armonia con un’industria che amo e a costruire un business sano insieme”.

Tra gli obiettivi di Cohen, fermamente convinto che “l’industria sta crescendo attraverso inserzioni e sottoscrizioni”, figura quello di lanciate un servizio di abbonamento a pagamento per i contenuti YouTube, nella forma della già annunciata piattaforma streaming battezzata Remix. Un altro dei punti cardine dei programmi del manager è quello di lavorare in collaborazione con le etichette a supporto degli artisti emergenti. A questo proposito, Cohen cita Dua Lipa, Camila Cabello e Ozuna quali esempi di musicisti la cui crescita è passata in buona parte attraverso YouTube.

Mettendo un attimo da parte industria e music biz, Cohen ha dedicato qualche parola alle vicende giudiziare che vedono coinvolto l’amico ed ex socio Russell Simmons, accusato di abusi sessuali: “Non l’ho mai visto aggressivo o violento con nessuna donna. Non è il Russell che conosco. Sono profondamente combattuto riguardo alle accuse e non c’è spazio per questo tipo di comportamento”, ha commentato l’ex discografico.

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.