NEWS   |   Pop/Rock / 14/03/2018

Addio a Stephen Hawking: lo scienziato citato dai musicisti aveva 76 anni - VIDEO

Addio a Stephen Hawking: lo scienziato citato dai musicisti aveva 76 anni - VIDEO

E’ morto all’età di 76 anni il celebre astrofisico inglese Stephen Hawking. Celebre per la qualità dei suoi studi ma anche, purtroppo per lui, per una malattia degenerativa che lo ha relegato su di una sedia a rotelle e all’uso di un sintetizzatore vocale per comunicare.

Questa sua particolare condizione legata alla vivacità del suo genio lo hanno reso molto popolare, di più: iconico. La sua figura di scienziato ‘pop’ è stata ripresa e citata anche dalla musica.

La voce di Hawking è stata campionata dai Pink Floyd e utilizzata nella loro canzone "Keep talking" presente nell’album “The division bell” del 1994. La voce di Hawking è apparsa anche nel brano "Talkin’ hawkin" dell'album “The endless river” del 2014.

Weird Al Yankovic cita Hawking nella sua canzone “White & nerdy” inclusa nell’album del 2006 “Straight outta Lynwood”, nella strofa ‘Stephen Hawking's in my library’ e nel video del brano lo si vede leggere il volume dello scienziato ‘A brief history of time’.

I gallesi Manic Street Preachers hanno inciso la canzone “Me and Stephen Hawking” per il loro album del 2009 “Journal for plague lovers”.

Gli Yes hanno usato le parole ‘Hawking's mind’ nella canzone "Real love", nel loro album del 1994 "Talk".

Per quanto riguarda i Radiohead, si è creduto erroneamente che Stephen Hawking abbia prestato la sua voce per la canzone "Fitter happier" inclusa in “Ok computer”, album pubblicato nel 1997. In realtà quella che si ascolta è la voce computerizzata del cantante della band inglese Thom Yorke.

I Bloodhound Gang nella canzone "Boom" cantano ‘I squeak like Stephen Hawking, Yeah, but I'm walking’.

La voce di Hawking è presente nella canzone "Intro: The party zone" incisa dai Turbonegro nel 2005 per il loro album “Party animals”, e dice: "Greetings. My name is Stephen Hawking. Anyways... Please follow our denim leaders as they enter the final black hole; a new dimension in rock music. Welcome to the Party Zone".