Roger Waters, ascolta l'inedito 'Supremacy' con il gruppo palestinese Trio Joubran - VIDEO

Roger Waters, ascolta l'inedito 'Supremacy' con il gruppo palestinese Trio Joubran - VIDEO

Il già bassista e "ideologo" dei Pink Floyd Roger Waters ha registrato un nuovo brano, intitolato "Supremacy", insieme al gruppo palestinese Trio Joubran: la suite, il cui testo è basato su una composizione del poeta Mahmoud Darwish - nato nel '41 a Al-Birwa, villaggio abbandonato in seguito al conflitto arabo-israelina del 1948 oggi nella zona di Acri, a nord dello stato ebraico, e morto a Houston nel 2008 -, è stata registrata tra Parigi e Londra nel corso dello scorso dicembre, subito dopo la decisione del presidente USA Donald Trump di spostare l'ambasciata americana in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme.

"A un primo sguardo il testo riporta l'ultimo discorso di un nativo americano all'uomo bianco", ha spiegato l'artista in un comunicato: "L'argomento, però, è anche la Palestina amata da Darwish e il suo popolo. Di fatto, riguarda le vittime del colonialismo di ogni tempo, in qualsiasi parte del mondo".

"Negli ultimi quindici anni abbiamo girato tutto il mondo, portando con noi - città dopo città - un pezzo di Palestina", ha spiegato il Trio Joubran: "Vogliamo onorare la lotta delle popolazioni indigene di tutto il mondo, e affermare - per mezzo dell'arte - che le relazioni tra popoli, culture e territori sopravvivono alla storia".

Roger Waters è da tempo molto critico con le politiche adottate da Israele nei confronti della popolazione palestinese: da anni aderente al movimento Boycott, Divestment and Sanctions, posizione che gli è costata più volte l'accusa di antisemitismo, l'ex Pink Floyd è recentemente entrato in polemica con Radiohead e Nick Cave per la scelta della band di Oxford e del cantautore australiano di includere lo stato ebraico negli itinerari dei rispettivi tour. Interrogato da Rockol nel 2015 circa la sua opinione in merito, Waters ha dichiarato: "Sono stato attaccato moltissime volte nel corso degli ultimi anni per le mie prese di posizione, ma lasciate che vi dica che queste non hanno nulla a che fare con l'ebraismo, gli ebrei, o i fedeli di religione ebraica. Le mie obiezioni sono alla politica dello stato di Israele nei territori occupati. E anche nello stesso stato di Israele, perché razzista, discriminatoria [nei confronti della popolazione palestinese], colonialista e un po' di altre cose alle quali sono contrario".

 

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.