Napster vs. Apple: 30 milioni di dollari in pubblicità anti-iPod

Napster vs. Apple: 30 milioni di dollari in pubblicità anti-iPod
Napster allarga la sua offerta di musica digitale “a noleggio” dai computer ai lettori portatili (vedi News), e investe per il lancio 30 milioni di dollari incluso uno spot televisivo durante il Super Bowl: tutto con un solo bersaglio in mente, l’iPod di Apple Computer. La guerra di Chris Gorog a Steve Jobs è dunque totale, e la sua campagna pubblicitaria è tutta tesa a dimostrare al pubblico dei consumatori la convenienza di spendere 15 dollari al mese di canone per scaricare (temporaneamente) tutte le canzoni che si desiderano sui “player” compatibili col suo programma rispetto ai 10 mila dollari richiesti per comprare e trasferire 10 mila canzoni dall’iTunes all’iPod.
La mossa di Roxio, società che oggi detiene i diritti del marchio Napster, ha sorpreso gli osservatori americani, anche perché il denaro stanziato per la campagna rappresenterebbe circa il 70 % del suo intero budget pubblicitario annuale. D’altronde, secondo altri esperti, si tratterebbe di una mossa obbligata, considerando che per promuovere l’iTunes e l’iPod la Apple ha speso almeno 100 milioni di dollari, forse anche il doppio. Gorog è fermamente convinto della superiorità della formula dell’abbonamento rispetto a quella dei download “alla carta” adottata dal rivale di Cupertino, soprattutto oggi che il nuovo software sviluppato da Microsoft, Janus, permette di trasferire in formato sicuro le canzoni sui lettori portatili. Sulla sua stessa strada si muoveranno entro l’anno altri servizi di “subscription” come Rhapsody di RealNetworks e MusicNow di Circuit City; mentre sul fronte hardware i principali rivali di Apple come iRiver, Creative e Samsung stanno distribuendo sul mercato alternative all’iPod più economiche del prodotto concorrente, equiparabili nelle prestazioni e dotate di funzioni supplementari come radio, schermi a colori e microfoni incorporati per la ripresa audio diretta.
Tra i due grandi rivali, comunque, finora non c’è stato confronto: secondo le ultime stime, Apple ha già venduto 10 milioni di iPod e 230 milioni di canzoni attraverso iTunes, mentre Napster ha chiuso il 2004 con una base di 270 mila abbonati.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.