I Rage Against the Machine contro Nigel Farage e il suo podcast 'Farage Against the Machine': 'Un cazzone fallito'

I Rage Against the Machine contro Nigel Farage e il suo podcast 'Farage Against the Machine': 'Un cazzone fallito'

Pur non più attiva come band, la formazione di "Killing in the Name" è ancora presente, come entità, sul Web, dove interagisce ancora con il pubblico per mezzo di canali social regolarmente aggiornati. Non poteva quindi sfuggire, ai Rage Against the Machine virtuali, l'ultima trovata di Nigel Farage: il già leader del partito di destra Ukip e primo sostenitore della Brexit ha presentato su Internet il suo nuovo podcast, battezzandolo - con un gioco di parole sul suo stesso cognome - "Farage Against the Machine". E a Tom Morello e compagni - o a chi ne fa le veci sui social - la cosa ovviamente non è andata giù:

"Il fallito politico destrorso Nigel Farage ha chiamato il suo podcast Farage Against the Machine", si legge nel tweet apparso sul canale ufficiale del gruppo: "Quell'inutile cazzone E' la macchina, lo spacciatore di quel genere di stronzate senza senso contro le quali i RATM sono arrabbiati fin dal primo giorno". Il gruppo ha creato l'hashtag - molto esplicito - #FuckNigelFarage, forse perché esasperato dai pregressi che li hanno visti protagonisti con l'ex capo dell'Ukip: già nel 2012, con toni decisamente più istituzionali, l'ex chitarrista della band Tom Morello, ora attivo con la sezione ritmica dei RATM nei Prophets of Rage, si era rivolto direttamente a Farage chiedendogli formalmente di non utilizzare il brano "Killing in the Name" durante i suoi comizi.

"Ukip e Nigel Farage: smettetela di usare 'Killing in the Name' durante i vostri comizi razzisti e destrorsi. Noi siamo contrati a tutto quello che sostenete. Smettetela".

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.