Rokes, gli inglesi che trovarono l’America in Italia (1 / 20)

Rokes, gli inglesi che trovarono l’America in Italia

Il gruppo si forma intorno a David Shel Shapiro all’inizio degli anni Sessanta, a Londra, con il nome di Shel Carson Combo (con Shapiro ne fanno parte Bobby Posner, Johnny Raymond e Mike Shepstone). Nel maggio del 1963 vengono in Italia come gruppo di accompagnamento di Colin Hicks. Vengono scritturati per una tournée con Rita Pavone, cambiando nome in Rokes (su suggerimento di Teddy Reno). E in Italia, i Rokes trovano l’America (nel senso del successo): la loro prima presenza in classifica è del 1965, l’ultima è del 1969; il gruppo tiene l’ultimo concerto il 12 agosto del 1970 a Ferrara, poi annuncia lo scioglimento.

Dei componenti del quartetto, solo Shel Shapiro continuerà l’attività musicale. A quasi 55 anni dall’arrivo in Italia, i Rokes non sono stati dimenticati; li ricordiamo anche noi, nel giorno del compleanno di Shel Shapiro.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.