Il Concerto per il Bangla Desh: quando il rock diventò “buono” (1 / 9)

Il Concerto per il Bangla Desh: quando il rock diventò “buono”

L’1 agosto del 1971 George Harrison, fresco di scioglimento dei Beatles, su ispirazione del sitarista Ravi Shankar organizzò un evento musicale per raccogliere fondi ma soprattutto per sensibilizzare il mondo sulla tragedia della carestia nel Bangla Desh. I due concerti che si tennero al Madison Square Garden di New York, uno pomeridiano e uno serale, sono passati alla storia come la prima occasione in cui il rock si è messo al servizio della solidarietà.

Ai concerti, dai quali furono tratti un album triplo e un film, parteciparono fra gli altri, insieme a Harrison, un altro Beatle (Ringo Starr), Bob Dylan, Eric Clapton, Billy Preston, Leon Russell, i Badfinger e Ravi Shankar.

Nelle prossime pagine vi proponiamo, nell’anniversario del Concerto per il Bangla Desh, alcuni momenti dei concerti e altre canzoni che in quei concerti furono eseguite.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.