Goldberg lascia la sua Artemis: 'Divergenze di vedute'

Goldberg lascia la sua Artemis: 'Divergenze di vedute'
Danny Goldberg, fondatore e anima musicale della Artemis Records americana (Warren Zevon, Steve Earle, Pretenders, Rickie Lee Jones, ma anche i Baha Men di “Who let the dog out”) ha lasciato il suo incarico di presidente per “divergenze filosofiche” con il nuovo proprietario della società, la holding Sheridan Square Entertainment facente capo all’imprenditore Joe Bianco che controlla anche la Vanguard e altre etichette. Conserverà il ruolo di consulente e verrà rimpiazzato dal suo vice, Daniel Glass, un ex dirigente di Universal ed EMI che in passato ha lavorato a stretto contatto con artisti come Sinead O’Connor, Billy Idol e lo stesso Zevon.
Goldberg, che vanta a sua volta un lungo curriculum di incarichi di vertice presso le maggiori case discografiche americane (Atlantic, Warner Bros. e Mercury, quando quest’ultima era ancora parte del gruppo PolyGram), è un personaggio molto noto nell’ambiente musicale sin dai tempi in cui, negli anni ’70, fu l’addetto stampa dei Led Zeppelin; per Jimmy Page e compagni diresse anche la Swan Song, l’etichetta autogestita che pubblicò gli ultimi album del quartetto inglese. Nel decennio successivo, l’imprenditore di origini ebraiche fondò una società di management che ebbe tra i suoi clienti Nirvana, Hole, Beastie Boys e Sonic Youth; al 1999, dopo la fuoriuscita dalla Mercury, risale il lancio della Artemis insieme ad altri due soci.
Goldberg è noto anche per le sue simpatie liberal e il suo attivismo nei movimenti della sinistra americana (fu uno degli organizzatori del celebre raduno antinucleare “No nukes”), ha scritto libri (“Dispatches from the culture wars: how the left lost teen spirit”, due anni fa) e articoli per quotidiani prestigiosi e testate musicali come Billboard e Rolling Stone. “Non intendo lasciare l’industria musicale e ho già un paio di cose in mente per il futuro prossimo”, ha dichiarato alla stampa senza entrare in ulteriori dettagli.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.