Shakira paga più di 20 milioni di euro di tasse alla Spagna. Potrebbe essere solo una parte del suo debito

Shakira paga più di 20 milioni di euro di tasse alla Spagna. Potrebbe essere solo una parte del suo debito

Come riportato da diversi giornali spagnoli, la cantante colombiana ha dovuto versare all’Agenzia delle Entrate spagnola più di 20 milioni di euro di tasse per ripagare, in parte, il suo debito con le autorità iberiche, mentre ancora sono in corso le indagini su una possibile frode fiscale da parte di Shakira. Il cuore degli accertamenti ruota intorno alla questione, al vaglio della magistratura spagnola, se la cantante risiedesse o meno in Spagna tra il 2011 e il 2014. La legge stabilisce, infatti, che se si sono trascorsi almeno 183 giorni nella penisola iberica si è considerati residenti fiscale e si devono pagare le tasse su tutti i propri guadagni all’Agenzia delle Entrate del Paese. Nel caso, invece, in cui i giorni trascorsi in Spagna fossero di meno, le tasse sarebbero relative soltanto al denaro guadagnato all’interno della Nazione. Shakira avrebbe pagato tasse corrispondenti a una condizione – da lei dichiarata - che la vedeva trascorrere la maggior parte di quegli anni alle Bahamas e la fonte dei suoi guadagni sarebbe stata all’estero.

Il nome della voce di “Whenever, Whenever” era comparso mesi fa anche nelle carte dei “Paradise Papers”, l’insieme di file che ha rivelato i dettagli di diverse società offshore legate alla gestione del denaro di celebrità, politici e artisti. Il report mostra che Shakira ha dichiarato le Bahamas come residenza fiscale e le entrare legate ai diritti della sua musica sono amministrate in paradisi fiscali come Malta e il Lussemburgo. In attesa del procedere delle indagini, al momento i 20 milioni di euro versati da Shakira – che ha negato qualsiasi tentativo di nascondere i suoi proventi – corrispondono solamente all’anno 2011.

 

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.