NEWS   |   Pop/Rock / 27/02/2018

Flea (Red Hot Chili Peppers) e la droga: "Ho iniziato a fumare erba quando avevo undici anni"

Flea (Red Hot Chili Peppers) e la droga: "Ho iniziato a fumare erba quando avevo undici anni"

Il bassista dei Red Hot Chili Peppers Flea ha scritto un articolo per Time sulla sua esperienza con le droghe e le battaglie che ha dovuto combattere contro di loro nella sua vita.

Scrive Flea: "Ho iniziato a fumare erba quando avevo undici anni. E ho continuato a pippare, iniettare, calare, fumare e il drago mi ha inseguito nei miei anni da teenager e anche nel decennio successivo". Raggiunti i trent’anni il musicista è riuscito a vincere questa tentazione, “La tentazione è una puttana”.

Nel suo articolo Flea scrive che gli oppioidi hanno contribuito direttamente ai più alti tassi di mortalità tra i giovani dal 1995 al culmine della crisi del virus dell’AIDS. Per Flea, l'impulso a usare antidolorifici e altri oppioidi è complicato dal fatto che i farmaci sono spesso prescritti dal medico di fiducia: "Molti di coloro che soffrono oggi sono stati introdotti alla droga dagli operatori sanitari".

Flea pensa che per provare a risolvere questa piaga ci voglia uno sforzo concertato da parte della comunità medica e del governo federale per "offrire aiuto a quanti ne hanno bisogno." Ma a livello individuale, la vera guarigione inizia con l'apprezzare l'umanità nella sofferenza personale: "Quello che ho imparato è a essere grato al mio dolore. Quella mentalità mi ha aiutato a resistere alla tentazione delle droghe".

Scheda artista Tour&Concerti
Testi