Max Cavalera: "I primi mesi dopo avere lasciato i Sepultura ero totalmente depresso" - VIDEO

Max Cavalera: "I primi mesi dopo avere lasciato i Sepultura ero totalmente depresso" - VIDEO

Max Cavalera (Soulfly, Sepultura, Cavalera Conspiracy) è stato intervistato nel programma ‘Rock talk with Mitch Lafon’. Tra le domande poste dal giornalista al musicista brasiliano anche una riguardante il suo abbandono nel 1996 dei Sepultura, questa la risposta di Cavalera:

"I primi tre mesi furono una depressione totale. Non volevo più suonare. Ero molto deluso da tutta quella faccenda. Avevo lavorato tutta la vita per quell’obiettivo e non avevo più la band. Mi sembrava tutto molto desolato, tutto senza speranza. Ma poi, a poco a poco, la gente mi ha aiutato a tornare in pista. Sono stato incoraggiato anche da gente come Ozzy. Ho cenato a casa di Ozzy e mi ha detto, 'tocca a te rimetterti in sesto’. Poi ho scritto un demo di due canzoni – “Eye for an eye” e “No” – che hanno ribaltato Monte Conner della Roadrunner Records. Gli ho fatto sentire una versione in cassetta e a lui sono piaciute molto. Da quel momento, non mi sono più voltato indietro."

Max ha parlato anche dell’eponimo primo album dei Soulfly pubblicato nel 1998:

"Penso che quel disco abbia colpito il cuore dei metallari di tutto il mondo. Tutti quelli con cui parlo lo hanno amato, è incredibile. E io ero messo abbastanza male in quel periodo, senza speranza, desolato, non mi fregava più un cazzo di nulla. Mi dicevo, 'Questo sono io, accettami o buttami nella spazzatura, non mi interessa niente'. E, con mia grande sorpresa, il disco è piaciuto molto a tutti. E anche oggi, è uno dei dischi dei Soulfly preferiti della gente. Sarà davvero difficile farne un altro così. Non credo che farò ancora un disco come quello. Proprio per la situazione che stavo vivendo allora, non vivrò più una situazione come quella. Grazie a Dio, perché non è stato divertente. Quel disco è stato scritto in uno stato di pura sofferenza. Ma credo che la buona arte giunga dalla sofferenza. Questo è l’unico modo in cui posso spiegare la bontà di quell'album, perché era un lavoro sofferto".

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.