NEWS   |   Pop/Rock / 09/04/2019

'Be-bop-a-lula', un classico del rock’n’roll: dieci cover da riscoprire (1 / 11)

'Be-bop-a-lula', un classico del rock’n’roll: dieci cover da riscoprire

Eugene Vincent Craddock, nato a Norfolk, in Virginia, l’11 febbraio del 1935, si era arruolato in Marina nel febbraio del 1952. Il marine Craddock, appassionato di musica (sembra che abbia acquistato la sua prima chitarra al porto di Napoli per 22 dollari, durante un servizio nel Mediterraneo), durante una licenza nella sua città natale viene investito da un’auto mentre è alla guida della sua motocicletta Triumph. E’ il luglio del 1955: l’infortunio avrà conseguenze dolorose per la gamba di Eugene (che resterà lesionata) ma positive per la passione musicale del marine, che durante la convalescenza ha tempo per esercitarsi nel canto e alla chitarra. Nei primi mesi del 1956 partecipa allo show radiofonico “Country Showtime” della stazione locale WCMS (Western Country Music Station) e inizia ad esibirsi in pianta stabile con i Virginians, l’orchestra fissa della stazione radio di Norfolk, Virginia. Il direttore della radio Roy Lamear e il disc jockey William Beauregarde “Sheriff Tex” Davis organizzano per il giovane Eugene la registrazione di un demo, e la canzone scelta è – come riferisce il sito “The Beat Circus” - “un brano inedito composto nelle stanze del Portsmouth Naval Hospital, durante la sua convalescenza dall’incidente in moto, dallo stesso Craddock con l’aiuto per il testo di un altro paziente, il marine Donald Graves, il quale cederà la propria quota di diritti d’autore per venticinque dollari al manager di Eugene. La canzone, ispirata ad un personaggio dei fumetti americani, la piccola Little Lulu, verrà quindi accreditata a Gene Vincent (nome d’arte di Eugene Vincent Craddock) ed a Sheriff Tex Davis”.

Inizia così la storia del successo di “Be-bop-a-lula”, che, registrata il 4 maggio negli studi della Capitol di Nashville, Tennessee, e pubblicata il 2 giugno 1956, diventerà uno dei brani-simbolo del rock’n’roll, e sarà oggetto di innumerevoli cover – nelle pagine seguenti ve ne proponiamo alcune. 

Ma prima riascoltate l’originale...

Maurilio Giordana (titolare del blog MyWay)