Gabriele Ciampi, giurato italiano dei Grammy Awards: “Il caso Meta-Moro si doveva e poteva evitare”

Gabriele Ciampi, giurato italiano dei Grammy Awards: “Il caso Meta-Moro si doveva e poteva evitare”

Intervistato da Elisabetta Stefanelli dell’ANSA, Gabriele Ciampi, musicista italiano attivo a Los Angeles, che quest’anno è stato l’unico giurato italiano dei Grammy Awards, ha espresso alcune considerazioni sul Festival di Sanremo 2018.
Qui di seguito alcune dichiarazioni che ci sono parse particolarmente interessanti.

''In questa edizione si è molto puntato sui testi e nonostante ci sia una bella orchestra, una via di mezzo tra sinfonica e da camera, suonano solo gli archi e non c’è dialogo tra le varie sezioni. E' un vero peccato che sia così poco sfruttata, privilegiando invece nelle canzoni la ricerca del testo e una melodia di impianto più commerciale. La cosa a mio avviso quasi surreale è che i rischi maggiori dal punto di vista musicale li abbiano presi Max Gazzè e Ornella Vanoni. Dovrebbero essere i giovani ad osare di più''.

“(a proposito del caso Ermal Meta-Fabrizio Moro) L’ufficio legale si è espresso, ma certo l'idea del Festival di Sanremo che si distingue da tutti gli altri perché porta in gara un inedito, qui è venuta pericolosamente meno. Ho analizzato gli spartiti delle due canzoni e ‘Non mi avete fatto niente’ aveva 4 o 5 note, del resto per stessa ammissione degli autori, riprese dalla canzone precedente. A mio avviso è un campanello d'allarme da non sottovalutare, perché il brano dovrebbe essere totalmente inedito”.

“Bisognerebbe affiancare ad una giuria popolare una giuria tecnica di 10 elementi, dieci veri esperti musicali, che dovrebbero analizzare a monte sullo spartito, ovviamente insieme al direttore artistico, ogni canzone. Se fosse accaduto questo si sarebbero accorti che in 'Non mi avete fatto niente' c'erano quelle note già usate e non ci sarebbe stato nessun caso, semplicemente (Ermal Meta e Fabrizio Moro) non sarebbero stati ammessi. Serve più competenza tecnica nella giuria di selezionatori”.

“Se si punta solo sul testo e non sulle voci e sulla qualità della musica è difficile arrivare a riportare la musica italiana all'estero come dovrebbe fare il festival di Sanremo. Domenico Modugno, che noi ricordiamo per le parole, in realtà è stato un grande innovatore musicale e ha fatto cose che nessuno aveva mai fatto prima''.

“Gli Oscar della musica italiana non si possono limitare ad inseguire la moda, magari puntando su testi a sfondo sociale e politico e basta”.

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.