Sanremo 2018, Diodato e Roy Paci in sala stampa

Sanremo 2018, Diodato e Roy Paci in sala stampa

Sono arrivati in punta di piedi, escono da rivelazione. Diodato e Roy Paci, in gara al Festival di Sanremo 2018 con "Adesso", arrivano in sala stampa per presentare la loro collaborazione: "Siamo contenti che abbiate apprezzato la nostra esibizione live. Siamo due animali da palco, abbiamo bisogno del palcoscenico per esprimerci al meglio", esordisce il cantautore pugliese.

Ma come è nata "Adesso"? "Ho scritto questa canzone qualche mese fa e pensavo che potesse starci bene un arrangiamento di fiati. Ho provato a farlo con il pc, il risultato terrificante. Ci voleva il tocco di Roy", racconta Diodato. Che poi lascia la parola a Roy Paci: "Ho iniziato a immergermi nel mondo sonoro di Antonio, che non è un mondo semplice. Sono andato a scavare in quello che era il nostro passato: sentivo dentro questa canzone gli echi di certe sonorità e timbriche medio-gravi tipiche delle bande del sud. C'è dentro anche quello che ho fatto con le bande, in passato: avevamo bisogno di timbriche scure, vellutate. L'Orchestra di Sanremo ci ha letteralmente sollevato in cielo".

Nella serata dei duetti Diodato e Roy Paci hanno condiviso il palco con Ghemon, che ha scritto per l'occasione una strofa inedita di "Adesso": "Con la sua musica abbatte le barriere. È partito come rapper, ma canta da Dio. È un artista che stimo da anni. Ci siamo incontrati un po' di anni fa al festival degli Afterhours, 'Hai paura del buio?'. Aveva una band pazzesca e teneva benissimo il palco. Da lì ho cominciato a ascoltare i suoi dischi", racconta Diodato, "quando abbiamo cominciato a ragionare sul duetto, io e Roy ci siamo segnati un po' di nomi. E abbiamo pensato che poteva essere interessante coinvolgerlo. Sapevo che avrebbe messo qualcosa di suo, ma che lo avrebbe fatto col giusto gusto. Gli abbiamo fatto ascoltare il brano e gli è piaciuto. Lo consideriamo come una delle penne più interessanti della musica italiana, e per questo motivo gli abbiamo lasciato lo spazio per scrivere una strofa, dandogli la massima libertà". La versione di "Adesso" in duetto con Ghemon potrebbe essere presto pubblicata nella versione da studio

Per la canzone è stato realizzato anche un videoclip, dai toni e dai colori molto soffusi. I registi sono Riccardo Petrillo e Giulio Scarano: "Sono due videomaker insieme ai quali ho già collaborato in passato. Hanno fatto un lavoro splendido", dice il cantautore, "il video è stato girato a Milano. Non era facile raccontare questa canzone con le immagini. Loro lo hanno fatto con molta semplicità. Quando guardo il video, mi viene la pelle d'oca".

L'ultimo album in studio di Diodato, "Cosa siamo diventati", è uscito lo scorso anno, ma non tornerà nei negozi in formato repackaging. "Adesso" sarà contenuta nel prossimo progetto discografico del cantautore, insieme al singolo "Cretino che sei", uscito prima della sua partecipazione al Festival: "Ho cominciato a togliere tutti i filtri e probabilmente sono diventato anche più intellegibile, più semplice da capire".

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.