Grammy Awards 2018, in TV è flop: ascolti giù del 24% rispetto al 2017

Grammy Awards 2018, in TV è flop: ascolti giù del 24% rispetto al 2017

Si consolino gli Avenged Sevenfold, che avevano sdegnasamente rifiutato l'invito a comparire agli ultimi "Oscar della musica" rimproverando agli organizzatori di aver stralciato "la premiazione della 'migliore canzone rock dell'anno' dalla diretta televisiva" e di averli relegati (insieme agli altri concorrenti della categoria e della maggior parte delle categorie previste dalla manifestazione) "in un posto del quale a nessuno frega un cazzo" (la Premiere Ceremony, per l'esattezza): televisivamente parlando, l'edizione 2018 dei Grammy Awards stravinta da Bruno Mars (nella foto) è stata un fiasco clamoroso.

Con un calo del 24% negli ascolti rispetto al 2017 la "music's biggest night" in verità non è mai stata così piccola: secondo i rilevamenti effettuali dalla Nielsen, nella notte tra domenica 28 e lunedì 29 gennaio "appena" 19 milioni e 800mila telespettatori si sono sintonizzati sulla CBS, facendo segnare così il minimo storico dell'audience televisivo dei Grammy Awards. Del resto, il confronto con la cerimonia dell'edizione 2017 è impietoso: la penultima serata di gala, ospitata dallo Staples Center di Los Angeles, riuscì a tenere incollate allo schermo 26 milioni e 100mila persone, ovvero 6 milioni e rotte di unità in più rispetto a quella di quest'anno

E se i contrari alla grandeur della Recording Academy avranno trovato una ragione per gongolare, discorso di tutt'altro senso può essere fatto per gli inserzionisti della CBS. I grandi eventi televisivi come gli Oscar, i Grammy o il Super Bowl sono tradizionalmente una droga per i prezzi degli spazi pubblicitari, che - generalmente - in tali occasioni raggiungono quote siderali, promettendo platee estremamente vaste: confidando probabilmente in una performance pari - se non superiore - a quella dell'anno passato, i vertici del network avevano deciso di vendere lo spazio tra una premiazione e l'altra alla cifra record di un milione di dollari per 30 secondi. Tra i brand celebri che avevano puntato sulla vetrina dei Grammy Awards ci sono stati la società informatica IBM, il gigante dell'abbigliamento Target e la catena di fast food Kentucky Fried Chicken.

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.