Comunicato Stampa: Nuova location per il concerto milanese degli Angra

Comunicato Stampa: Nuova location per il concerto milanese degli Angra
La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

LIVE PRESENTA
SABATO 5 FEBBRAIO 2K5

A CAUSA DELLA MASSICCIA RICHIESTA DI BIGLIETTI
IL RITORNO DEGLI ANGRA
SI TERRA’ AL
C-SIDE DI MILANO

UNO DEI GRUPPI PIU’ RISPETTATI DEL POWER METAL SINFONICO, UNA DELLE METALBANDS FONDAMENTALI DEGLI ULTIMI 15 ANNI, RITORNANO DAL VIVO CON UN NUOVO DISCO CONTINUANO LE PREVENDITE NEI NORMALI CIRCUITI DI ACQUISTO

E’ un altro attesissimo ritorno per gli amanti del metal, gli Angra tornano in Italia per un unico concerto dal vivo al C-Side, una location più capiente del Rainbow Club, un clun più grande che è stato scelto dalla Live data l'enorme richiesta di biglietti per questo un unico set. Un evento per mostrare ancora come il nome Angra sia da associare al MIGLIOR metal degli anni ’90, un unico concerto per ricordare come il gruppo sudamericano sia tra i pochi interpreti del genere a suonare con precisione e tecnica minuziosa.
La storia degli Angra è lunga 11 anni durante i quali i nostri hanno conosciuto il successo, le crisi, l’emozione di suonare davanti a decine di migliaia di connazionali, gli abbandoni, le ricostruzioni e molto altro. Gli Angra si formano a San Paulo (Brasile) nel 1992 per volontà di Kiko Loureiro (chitarra), Rafael Bittencourt (chitarra), Luís Mariutti (basso), André Matos (voce) e Alex Holzwarth (batteria), i 5 giovani musicisti danno subito vita ad un demo per poi preparare il loro disco d’esordio, del 1993, intitolato “Angel Cry”, che è stato giudicato da molti come la migliore opera prima di un gruppo metal, il power dei brasiliani infatti sembra concepito e suonato a livelli decisamente superiori alla media, un insieme di canzoni in cui i riff classici dei due formidabili chitarristi (quasi dei globtrhotters della chitarra) si uniscono alla potenza della sezione ritmica e soprattutto alla voce cristallina ed emozionale di Andrè Matos, vero e proprio faro del gruppo. Il quadriennio 93-97 è forse il periodo migliore per il gruppo brasilero, nel ’95 esce un nuovo disco “Holy Land”, un cd che contiene sonorità etniche e neoclassiche allo stesso tempo, un disco che continua il lavoro di ricerca e studio del gruppo e che porta gli Angra a farsi conoscere anche in Europa e Usa, nel 1997 partecipano ai maggiori festival mondiali e aprono il tour di Ac/Dc. “Fireworks” del 1998 è l’ultimo disco degli Angra in formazione originale, Matos, Mariutti e Holzwarth lasciano il gruppo e si apre una fase durata circa due anni in cui gli Angra sono rappresentati da Kiko e Rafael, le audizioni per i sostituti (soprattutto per Andrè, la sua voce è difficile da sostituire) durano parecchio ma alla fine la scelta cade su Aquiles Priester (batteria), Felipe Andreoli (basso) e alla voce Edu Falaschi. Le prime esibizioni della band con la nuova formazione non convincono nessuno….la voce di Edu è troppo sulla falsariga di quella di Matos, qualcosa deve cambiare e il tutto succede all’indomani dell’uscita del loro primo DVD dal vivo, gli Angra si ritirano in studio per preparare l’album con la nuova line up, il disco, quello che verrà presentato stasera si intitola “Temple of Shadow”, un concept album che racconta la storia di un crociato che si trova a contrastare gli ideali espansionistici della Chiesa Cattolica nell'undicesimo secolo. Questo cavaliere è conosciuto come The Shadow Hunter e passo dopo passo crescerà, arrivando a decidere di fondare un nuovo ordine riformista. Ogni canzone racconta tutti gli avvenimenti che lo vedono coinvolto. Il risultato è forse il migliore album degli Angra mai composto, sia a livello interpretativo che di produzione, il metal qui convive con il folk latino, richiami etnici e riff progressive da far rizzare i capelli…e soprattutto, il nuovo cantante non è più la copia impaurita di Andrè Matos ma un grande singer con due polmoni d’acciaio e grandi capacità canore, Grandioso ritorno da non perdere!!!

Ingresso 18 € Apertura porte ore 18.30 Inizio concerto ore 20.00

Prevendite: Ticket One tel 02.392261; Per informazioni sui punti vendita www.ticketone.it; Infoline 899.500.022 per informazioni e acquisto Vendita on line solo su Ticket One; In vendita in tutti i circuiti Box Office e Prevendite abituali; Info Line :055 5520575; www.liveinitaly.com
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.