Ash e Garbage cambiano 'padrone': è il magnate Rupert Murdoch

I nordirlandesi Ash, in procinto di pubblicare il nuovo album, e gli americani (tranne Shirley, che è scozzese) Garbage, i quali invece non pubblicheranno più nulla fino al 2000, hanno cambiato "padrone". Si tratta del controverso magnate planetario Rupert Murdoch, il quale, oltre a controllare buona parte dei tabloids britannici, ha ultimamente tentato di dare la scalata alla presidenza della squadra del Manchester United. Il suo impero "News International" ha infatti acquisito la Mushroom Records e l'affiliata etichetta Infectious, per le quali registrano sia gli Ash che i Garbage. La mossa è stata annunciata da James Murdoch, suo figlio, responsabile diretto (probabilmente per ragioni di tasse) dell'operazione. Entrambi i gruppi hanno dichiarato che la mossa non influirà sulle future imprese delle bands.
Dall'archivio di Rockol - Quando la rockstar mostra il medio
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.