Facebook, firmati altri accordi relativi a licenze musicali

Facebook, firmati altri accordi relativi a licenze musicali

Dopo aver stretto accordi con Universal Music Group e Sony/ATV, Facebook ha firmato tre nuovi accordi relativi a licenze musicali con altre società: HFA/Rumblefish, Kobalt Music Publishing e Global Music Rights.

Tra i nuovi accordi spicca quello con Global Music Rights, società di proprietà di Irving Azoff, già braccio destro di numerose star della musica pop e rock, dall'ex One Direction Harry Styles a Bon Jovi, passando per Christina Aguilera, Eagles, Van Halen, Thirty Seconds to Mars, Maroon 5 e Gwen Stefani. E proprio Azoff ha fatto sapere, a proposito dell'accordo:

"La nostra partnership con Facebook fa capire che quando la musica è valutata correttamente, è facile per entrambe le parti ottenere un reciproco vantaggio".

I nuovi accordi consentiranno a Facebook di fornire funzionalità social che coinvolgeranno la musica gestita dalle tre società su Facebook, Instagram e Oculus.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.