Usa, anche le rock star alzano il tiro contro il p2p non autorizzato

Jimmy Buffett, Babyface, Gavin Rossdale dei Bush, Sheryl Crow, il duo country Brooks & Dunn, Bonnie Raitt, gli Eagles, le Dixie Chicks, Stevie Nicks, Patty Loveless… Persino Bill Kreutzmann e Mickey Hart, i “diavoli del ritmo” della congrega (Grateful) Dead, campioni della libertà di espressione e della “free music” dai tempi di Haight Ashbury e della estate dell’amore di San Francisco: tutti contro Grokster, la società che negli Stati Uniti siede sul banco degli imputati in un processo chiave per il futuro del copyright e del peer2peer deregolamentato (vedi News).
I musicisti citati appartengono tutti alla combattiva Recording Artists’ Coalition, assurta alle cronache qualche anno fa per una pubblicizzata battaglia sulla libertà artistica dai vincoli contrattuali imposti dalle case discografiche (vedi News). Questa volta però si sono mobilitati a fianco dell’industria, e il bersaglio è diventato una di quelle intraprendenti imprese che, sostiene la direttrice nazionale dell’associazione Rebecca Greenberg, “guadagnano spesso milioni di dollari senza dare agli artisti un solo centesimo”. “L’esito del processo in corso davanti alla Corte Suprema”, ha aggiunto la Greenberg, “condizionerà il futuro benessere di interpreti e autori di canzoni”. Nessuna previsione, per il momento, sui tempi dell’attesissima sentenza.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Gaetano Blandini (SIAE)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.