Superbowl: quest'anno l'inno nazionale sarà cantato da Pink

Superbowl: quest'anno l'inno nazionale sarà cantato da Pink

Che lo spettacolo dell'halftime (cioè dell'intervallo) del Superbowl 2018 avrà come protagonista Justin Timberlake, lo sapevano da qualche settimana; è stato reso noto solo oggi, invece, che a cantare l'inno nazionale in apertura dell'incontro, secondo una tradizione ormai consolidata, sarà quest'anno Pink.
La cantante segue così le orme di Lady Gaga, Luke Bryan, Billy Joel, Alicia Keys, Garth Brooks, Beyonce, Christina Aguilera, Whitney Houston e Mariah Carey, e canterà "Star spangles banner" il 2 febbraio davanti al pubblico presente al Bank Stadium di Minneapolis e a una vastissima platea televisiva.
Lo scorso anno lo stesso onore era toccato al cantante country Luke Bryan,



mentre nel 2016 l'edizione del cinquantenario del più atteso evento sportivo statunitense era stata aperta da Lady Gaga:

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.