'Creep', Lana del Rey conferma l'azione legale dei Radiohead: 'Vogliono il 100% dei diritti, ci vedremo in tribunale'

'Creep', Lana del Rey conferma l'azione legale dei Radiohead: 'Vogliono il 100% dei diritti, ci vedremo in tribunale'

Hanno trovato effettivo riscontro le voci riferite nella giornata di ieri, domenica 7 gennaio, dal Sun relative a una causa intentata dai Radiohead ai danni di Lana Del Rey per un presunto plagio di "Creep", la prima vera hit della band di Oxford pubblicata nel 1993 all'interno dell'album "Pablo Honey", che sarebbe stata indebitamente ripresa dalla cantante newyorchese per la sua "Get Free", ultimo brano nella scaletta del recente album "Lust for Life".

"La storia della causa è vera", ha spiegato la Del Rey per mezzo di un post apparso sul suo canale ufficiale Twitter: "Sebbene sappia che la mia canzone non sia stata ispirata da 'Creep', i Radiohead ne sono convinti e vogliono il 100% del diritto d'autore. Io gli ho offerto il 40% [di quanto incassato dal brano] negli ultimi mesi ma loro accettano solo il totale. I loro avvocati sono stati implacabili, quindi la faccenda verrà risolta in tribunale".

Caricamento video in corso Link
Caricamento video in corso Link

Fallito il tentativo di accordo extragiudiziale, quindi, la parola passerà al tribunale, la cui sentenza - tuttavia - dovrà tenere conto di un particolare precedente riguardante "Creep": come già ricordato da Rockol, il brano - al tempo della sua pubblicazione firmato solo dai Radiohead - è attualmente accreditato, oltre che a Thom Yorke e compagni, anche a Albert Hammond (padre di Albert Hammond Jr. degli Strokes) e Mike Hazlewood, autori di "The Air That I Breathe", canzone incisa nel 1972 dagli Hollies che condivide con "Creep" la medesima progressione di accordi. Nel caso, come racconta lo stesso Hammond, la controversia venne risolta in via extragiudiziale: "I Radiohead si sono detti d'accordo d'aver preso la stessa progressione di accordi: essendo stati onesti, abbiamo deciso di non denunciarli per prenderci tutto [il diritto d'autore], accontentandoci solo di una piccola parte".

Nel caso il tribunale dovesse effettivamente deliberare a favore dei Radiohead - ammesso e non concesso che nelle prossime settimane i team legali tentino di imbastire un nuovo accordo extragiudiziale -  Hammond e Hazlewood potrebbero beneficiare (anche) di una parte delle royalties di "Get Free", nei crediti della quale i due si troverebbero inevitabilmente inseriti come coautori insieme ai Radiohead.

Dall'archivio di Rockol - Radiohead: Thom Yorke e l'imprecazione in loop
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.