Emma, elettronica e funk nel nuovo singolo 'L'isola': l'ascolto di Rockol

Emma, elettronica e funk nel nuovo singolo 'L'isola': l'ascolto di Rockol

La prima anticipazione del nuovo disco di Emma è una canzone che vede la popstar salentina riprendere il discorso lì dove lo aveva lasciato con il suo precedente album e portarlo al livello successivo. Se con "Adesso" Emma aveva cominciato a sporcarsi le mani con l'elettronica, tra sintetizzatori e beat, con "L'isola" fa ancora un passo in avanti e mischia pop, elettronica e funk.

Il singolo, disponibile da oggi, venerdì 5 gennaio, è stato scritto da Roberto Angelini (collaboratore della cantante da ormai qualche anno a questa parte) e da Domenico "GG" Canu e Marco Baroni, che sono rispettivamente il chitarrista e il tastierista dei Planet Funk, gruppo simbolo del rock elettronico e dell'alternative dance italiana. "L'isola" è una canzone molto suonata: alle registrazioni, infatti, hanno partecipato Paul Turner dei Jamiroquai (basso), Ninja dei Subsonica (batteria) e Adriano Viterbini, già membro dei Bud Spencer Blues Explosion e collaboratore di - tra gli altri - Niccolò Fabi, Daniele Silvestri e Max Gazzé (chitarra).
Il mix è stato curato dall'ingegnere del suono Matt Howe, che nel 1998 affiancò Lauyrn Hill in "The miseducation of Lauryn Hill", premiato ai Grammy Awards del 1999 come "Album dell'anno". Chris Gehringer, già collaboratore di Rihanna e Lady Gaga, lo ha invece masterizzato.
La produzione è di Emma stessa e di Luca Mattioni (al suo fianco già per il precedente disco, qui suona anche le tastiere), che insieme si sono occupati degli arrangiamenti.

"Un respiro complice / prendi fiato e scegli me", sussurra la cantante all'inizio della canzone, su un tappeto di sintetizzatori. Il brano parte lentamente, ma pian piano prende la rincorsa e nel ritornello finalmente fa il salto, e si apre: "E tutti guardavano la nave partire / all'orizzonte scomparire / e tutti restavano senza parole".
Dal punto di vista musicale "L'isola" è un pezzo coinvolgente e ballabile: le atmosfere sono anni '80, molto synthpop, ma con una ritmica di impronta funk e uno sguardo al presente. A livello di testo, invece, rispetto a canzoni come "Arriverà l'amore" o "Occhi profondi" è meno immediata (e questo può essere un complimento): ha bisogno di un secondo, e forse anche di un terzo ascolto per essere capita. E il testo si apre a più livelli di lettura: il più semplice, "L'isola" intesa come la crisi di una relazione ("E tu mi guardavi ed io ti dicevo amore / non aver paura, troveremo un modo per andare via").

Il nuovo album in studio di Emma si intitola "Essere qui" e uscirà il prossimo 26 gennaio: è il quinto disco di inediti della cantante salentina, che lo ha annunciato a sorpresa con un post pubblicato sui suoi canali social ufficiali subito dopo la mezzanotte del 1° gennaio 2018.

Qui di seguito potete vedere il video di "L'Isola", diretto da Lukasz Pruchnik, sotto la direzione creativa di Paolo Stella ed Emma Marrone e quella esecutiva di Guja Quaranta:

Questa notizia è stata resa possibile dalla gentile collaborazione di Radio Airplay.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.