NEWS   |   Industria / 14/01/2005

Sanremo, Accademia della Canzone: chiuse le indagini con 19 avvisi di garanzia

Sanremo, Accademia della Canzone: chiuse le indagini con 19 avvisi di garanzia
Sono stati emessi ben 19 avvisi di garanzia nell'ambito della maxi-inchiesta, avviata nel 2002, volta ad indagare sul sospetto giro di tangenti che avrebbe coinvolto politici ed imprenditori per controllare la gestione dell'Accademia della Canzone di Sanremo (vedi News): il pubblico ministero Antonella Politi avrebbe iscritto nel registro degli indagati, per i reati di truffa, falso ideologico, corruzione, tentata corruzione e abuso d'ufficio, Angelo Esposito, l'imprenditore sanremese titolare della Publimod, patron dell'Accademia della Canzone; la moglie e cantante, Beatrice Lorenza Marini (in arte Lola Marini) e l'ex commercialista di Esposito, Silvano Lorenzi; l'ex assessore al Turismo e Spettacolo, Antonio Bissolotti e l'ex sindaco di Sanremo, Giovenale Bottini; Giancarlo Golzi, batterista dei Matia Bazar (in gara in occasione dell'edizione 2005 della kermesse canora) ed ex direttore artistico dell'Accademia; Rosanna Mani, all'epoca condirettrice di 'Tv Sorrisi & Canzoni' e membro della commissione artistica comunale per l'affidamento dell'appalto dell'Accademia. Della stessa commissione, figurano anche Mario Maffucci, ex capostruttura di Rai Uno; Romolo Barbona, sindacalista dello spettacolo e Franco Bixio, discografico.